Monetario, crescono depositi presso Bce per abbondante liquidità

venerdì 24 aprile 2009 13:19
 

MILANO, 24 aprile (Reuters) - Il mercato monetario, come era nelle attese, ha visto oggi nuovamente l'aumento del ricorso ai depositi presso la Bce, per effetto dell'enorme quantità di liquidità che c'è all'interno del sistema.

Di conseguenza il tasso overnight è tornato a scendere, visto che ad avere forza gravitazionale è il tasso dei depositi, attualmente allo 0,25%.

A metà seduta il tasso overnight sul Mid quota 0,55%-0,66% e 0,45%-0,65% sugli schermi dei broker intenazionali. Il fixing eonia EONIA ieri è stato pari a 0,853% da 0,954% del giorno precedente. Il tasso di riferimento Bce oggi si attesta all'1,25%.

In calo oggi il tasso euribor a nuovi minimi, il tasso Euribor a tre mesi fissato oggi a 1,400% dall'1,406% del fix di ieri EURIBOR3MD=.

Il differenziale tra l'euribor a tre mesi (1,400%) e l'Eonia swap a tre mesi (0,773%) è sceso a 62,7, in leggera risalita ma comunque ai minimi di oltre un anno. Tale spread è visto come indicatore del grado di timore nei confronti delle controparti bancarie. Nel perio pre-crisi era di una decina di punti base, mentre ha raggiunto massimi storici attorno a 170 pb.

Le aspettative sulla politica monetaria del mercato rimangono per un taglio del tasso di riferimento dall'attuale livello dell'1,25% all'1% al meeting del 7 maggio.

Sulla strip Euribor i derivati continuano il trend al ribasso. Intorno alle ore 13,00 sulla curva il futures giugno FEIM9 vale 98,645 (+0,015), settembre FEIU9 a 98,655 (+0,030) e dicembre FEIZ9 a 98,475 (+0,040).

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.