Fiat, bond 2012 sale di 3,5 punti, Cds a minimo da ottobre 2008

venerdì 24 luglio 2009 13:12
 

MILANO, 24 luglio (Reuters) - Il bond che Fiat FIA.MI ha collocato ieri per 1,25 miliardi brilla sul mercato secondario e a fine mattina è in rialzo di 3 figure e mezzo rispetto al prezzo di emissione.

In tarda mattinata il bond, che ha scadenza 20 luglio 2012, quota 102,50/103, in netto rialzo rispetto al prezzo dell'emissione di 99,367.

"Va letteralmente a ruba. Abbiamo visto ordini anche molto consistenti, da investitori variegati ma soprattutto da banche di investimento" dice un dealer del mercato secondario dei bond corporate. "E' salito tanto che alcuni hanno preso beneficio, ma sono arrivati altri investitori" dice un altro dealer.

Il nuovo bond è stato apprezzato soprattutto per la cedola del 9%, pur più bassa di livelli tra il 9,75-10% ipotizzati inizialmente.

"Una cedola del 9% per un business come quello della Fiat che potrebbe avere buoni sviluppi è un ottimo acquisto" per uno degli investitori interessati al bond.

Gli altri bond della galassia torinese già presenti sul mercato si stanno adeguando all'ultima emissione. "Il rendimento del bond scadenza 2011 schizza stamane al 7,8% da 6,3% ieri" dice un altro dealer.

Anche il Cds a 5 anni è migliorato. Stamane il credit default swap, il costo per assicurarsi dal caso di default dell'emittente, si è ristretto a 480 pb, sceso sotto la soglia di 500 pb per la prima volta dall'ottobre scorso, secondo dati Reuters/Markit, da 530 punti base ieri pomeriggio in corrispondenza del collocamento della. Solo lunedì scorso era a 700 pb e a inizio luglio a 840 pb. Il Cds Fiat ha toccato i massimi attorno a 1.700 pb nel pieno della crisi a gennaio.