Fingruppo, udienza omologa accordo debito rinviata a 7/10-fonte

mercoledì 24 settembre 2008 17:46
 

MILANO, 24 settembre (Reuters) - L'udienza per l'omologa dell'accordo di ristrutturazione del debito di Fingruppo che ha evitato il fallimento della holding bresciana è stata rinviata dal Tribunale di Brescia al 7 ottobre prossimo.

La richiesta di rinvio è stata formulata dalla stessa Fingruppo per avere il tempo di presentare le proprie controdeduzioni dopo l'atto di opposizione presentato all'accordo di ristrutturazione del debito della cassaforte bresciana da parte dei Pm, spiega una fonte legale.

"Fingruppo ha chiesto un breve rinvio per presentare le proprie controdeduzioni in quanto nei giorni scorsi era stato notificato un atto di opposizione dei Pm. L'udienza è stata aggiornata al 7 ottobre con tempo fino all'1 ottobre per lo scambio di memorie difensive", spiega la fonte.

Il 21 agosto scorso i giudici della sezione fallimentare del Tribunale di Brescia hanno rigettato l'istanza di fallimento richiesta dalla procura di Brescia per Fingruppo.

Con questa decisione i giudici hanno ritenuto che l'accordo raggiunto tra i soci di Fingruppo e i principali creditori soddisfi pienamente i requisiti richiesti dalla legge e consenta di ristrutturare il debito della holding evitandone appunto il fallimento.

Una fonte legale aveva spiegato il 21 agosto scorso che l'accordo di ristrutturazione riguarda il 68% circa dei creditori tra cui tutte le banche coinvolte, in particolare Banco Popolare (BAPO.MI: Quotazione) e Mps (BMPS.MI: Quotazione), esposte rispettivamente per 158 e 101 milioni.

Le banche hanno accettato di rinunciare a parte dei crediti per 100 milioni, mentre tutti gli altri creditori dovranno essere risarciti integralmente e in tempi brevi.

L'accordo è propedeutico all'operazione con cui Fingruppo e HI Spring cederanno il 38,7% di Hopa per 53 milioni di euro a una newco, chiamata Tethys, partecipata da Mittel (MTTI.MI: Quotazione) e il fondo Equinox Two con il 66,6% e per la quota restante dalle due principali banche creditrici Mps e Banco Popolare.