Monetario poco mosso, depositi marginali riprendono rialzo

lunedì 24 novembre 2008 11:51
 

MILANO, 24 novembre (Reuters) - La liquidità è presente sull'interbancario, ma continua a non circolare, come testimonia l'alto livello dei depositi marginali che è tornato a salire lo scorso week-end. Gli scambi inoltre restano scarsi, a dire dei tesorieri, con pochi movimenti sui tassi.

"I dati dei depositi marginali sono in aumento, questo testimonia che la liquidità c'è ma continua a non circolare" dice un tesoriere.

Nel fine settimana le banche della zona euro hanno depositato overnight presso la Banca Centrale Europea fondi per 224,193 miliardi di euro da 202,593 miliardi nella notte fra giovedì e venerdì scorsi. I prestiti marginali erogati dalla Bce sono ammontati a 1,893 miliardi da 2,174 miliardi.

I depositi e i finanziamenti presso l'istituto di Francoforte vengono remunerati e pagati rispettivamente ai tassi, penalizzanti rispetto al riferimento del 3,25%, del 2,75% e del 3,75%, ma le banche preferiscono ricorrervi piuttosto che fare affidamento ad altri istituti commerciali, a riprova della scarsa fiducia presente sul mercato.

"I volumi sono scarsi, e l'overnight fuori da Mid è ancora ai livelli di venerdì" dice l'operatore. "Anche la settimana è poco mossa, dato che già scontava il fine mese".

Alle 11,40 circa l'overnight fuori dalla piattaforma Mid viaggia a quota 2,85/3,54%, mentre il tasso a una settimana è a 3,00/3,19%.

Dopo il saldo di venerdì, 204,9 miliardi di euro con numeri neri a ieri sera pari a 496,1 miliardi, le tesorerie si aspettano per oggi un saldo di 417 miliardi circa, inclusi i depositi marginali, che porti i numeri a 670-675 miliardi. Intorno alle 11,50 il futures sul tasso Euribor a dicembre FEIZ8 perde 0,04 a 96,625. Marzo 2009 FEIH9 cede 0,04 a 97,390 e giugno FEIM9 0,040 a 97,555.

I tassi Euribor hanno registrato oggi un'ulteriore discesa con la scadenza a tre mesi EURIBOR3MD= che ha rotto al ribasso la soglia del 4% attestandosi a 3,970% dal precedente 4,021%, al minimo dal 12 aprile 2007 quando era stata fissata al 3,968%. La scadenza a una settimana EURIBORSWD= è scesa a 3,183% da 3,196%, mentre i sei mesi EURIBOR6MD= sono scesi a 4,020% da 4,065%.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.