24 agosto 2009 / 14:43 / 8 anni fa

SCHEDA - Tirrenia, tra privatizzazione e ripartizione del debito

ROMA, 24 agosto (Reuters) - L‘unica privatizzazione avviata dal governo Berlusconi è quella di Tirrenia di Navigazione spa, vettore marittimo controllato al 100% dal Tesoro tramite Fintecna. Secondo il bilancio 2008 ha un patrimonio netto di 358 milioni e un debito di 752. Secondo dati ricavati dalla stampa l‘advisor del Tesoro valuterebbe la flotta 1,5 miliardi.

L‘iter, avviato con un decreto a marzo, riprenderà da settembre con la riapertura delle trattative tra governo e regioni interessate a rilevare dal gruppo le compagnie di cabotaggio regionali.

La cosiddetta “Alitalia dei mari” detiene infatti anche l‘intero capitale della Caremar (Campania), della Saremar (Sardegna), della Toremar (Toscana) e della Siremar (Sicilia) che svolgono il servizio di collegamento su scala regionale.

Il nodo principale riguarda le modalità di cessione di queste società alle Regioni, in particolare quanto debito dei 752 milioni dovranno accollarsi per poter poi a loro volta gestire l‘apertura ai privati delle società regionali.

TAVOLI A SETTEMBRE, IN ATTESA DEL BANDO

Dalla prima settimana di settembre avranno inizio dei tavoli tra le varie parti interessate: il ministero dei trasporti, quello dell‘Economia, Fintecna, le parti sociali e le Regioni.

Nel corso degli incontri potrebbe essere già presentata una bozza del bando, atteso tra la metà e la fine di settembre.

REGIONI E CORDATA ARMATORI, IL NODO DEI DEBITI

Il nodo delle trattative tra Stato e Regioni, ma anche per i privati interessati, è sulla ripartizione dei debiti, ovvero quanti andranno alle Regioni e quanti alla capogruppo Tirrenia.

Gli armatori privati, tramite la loro associazione Confitarma, hanno manifestato interesse a partecipare alla privatizzazione.

“Allo stato attuale c’è un gruppo interessato”, ha confermato Nicola Coccia presidente della confederazione degli armatori.

“Quello che aspettiamo è come verrà ripartito il debito in proporzione con le società regionali”, ha aggiunto.

Una iniziale manifestazione di interesse del gruppo Moby che fa capo a Vincenzo Onorato, è stata successivamente precisata. C’è interesse ma nessuna cordata pronta.

DALL‘UE AL DECRETO DI PRIVATIZZAZIONE

E’ dal 2008 che si ricomincia a parlare di privatizzazione della Tirrenia. L‘Unione europea ha chiesto il rispetto dei regolamenti in materia di trasporti, dal momento che le sovvenzioni vengono equiparate ad aiuti di stato.

Il 7 marzo 2008 viene selezionata dal Tesoro Credit Suisse, che il 4 novembre dello stesso anno consegna il proprio rapporto sull‘appetibilità di mercato di Tirrenia e delle società regionali e sulle modalità di privatizzazione.

Il 29 novembre viene varato il decreto legge che dispone “a favore delle regioni interessate, su loro richiesta, il trasferimento senza corrispettivo dell‘intera partecipazione detenuta da Tirrenia nelle società di cabotaggio regionali”.

A gennaio 2009 iniziano le trattative con l‘incontro al dicastero di Altero Matteoli con l‘assessore ai Trasporti della regione Sicilia.

Il 13 marzo il Consiglio dei ministri vara il decreto con i criteri di privatizzazione e delle modalità di dismissione della partecipazione detenuta indirettamente dal ministero dell‘Economia.

A maggio c’è un nuovo round di tavoli, prima coi sindacati, poi con le regioni, e infine un tavolo congiunto al termine del quale Matteoli dichiara che “abbiamo fatto passi avanti nella ricerca di una soluzione condivisa”.

ALITALIA DEI MARI, DEBITO DOPPIO DEL PATRIMONIO NETTO

Tirrenia si occupa dal 1936 dei collegamenti via mare tra l‘Italia continentale e le isole maggiori, le Tremiti e l‘Albania. A queste tratte si affiancano quelle delle compagnie regionali, controllate al 100%, per i collegamenti su scala locale.

Al 31 dicembre 2008 il patrimonio netto del gruppo era di 357,9 milioni di euro, a fronte di un indebitamento finanziario di netto di 752,1 milioni, che al netto dei crediti verso lo Stato risulta pari a 618,6 milioni.

La flotta era costituita da 72 navi, delle quali 27 adibite ai servizi locali, con 1.522 dipendenti a tempo indeterminato e 215 a tempo determinato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below