Bond recuperano su calo borse, focus su aste settimana prossima

venerdì 24 luglio 2009 17:46
 

 MILANO, 24 luglio (Reuters) - Pomeriggio in rimonta per il
mercato obbligazionario, in chiusura di una settimana che ha
visto prevalere le vendite.
 La partenza debole di Wall Street, conseguenza di prese di
beneficio e indicatori macroeconomici non entusiasmanti, ha
provocato un arretramento dei mercati azionari.
 Ne ha tratto beneficio il Bund, che ha rialzato un po' la
testa dopo diverse giornate sotto pressione. Il rendimento del
decennale benchmark tedesco EUR10YT=RR si è riportato sotto la
barriera del 3,5%.
 Il risultato è che il differenziale fra il rendimento del
Btp settembre 2019 e del Bund luglio 2019 - che in mattinata era
sceso fino a 84 punti base (su schermi Reuters), minimo dall'11
maggio scorso - si è riportato attorno a quota 90 punti base.
 Gli operatori sottolineano che l'appetito degli investitori
per la carta italiana rimane corposo e non risente, almeno per
ora, dell'annuncio delle emissioni della settimana prossima.
 Ieri sera, il ministero dell'Economia e delle Finanze ha
annunciato l'offerta di Bot a sei mesi per 10 miliardi e di Ctz
scadenza 30 giugno 2011 per 3,5 miliardi (asta il 28 luglio), la
riapertura del Btpei 15 anni fino a 1,25 miliardi (29 luglio) e
la vendita della terza tranche del Btp a tre anni, della settima
tranche del Btp a dieci anni e l'emissione del nuovo Cct luglio
2016 (30 luglio).
 Secondo un'analisi ThomsonReuters, la prossima settimana i
governi della zona euro metteranno sul mercato titoli a medio
lungo per 16 miliardi di euro. Detto dell'Italia, che giocherà
la parte del leone, la settimana vedrà la riapertura di tre
titoli belgi per 2,3 miliardi di euro e la riapertura di tre
bond olandesi per 2 miliardi.
 E anche i mesi di agosto e settembre, tradizionalmente
poveri di emissioni, stando alle previsioni degli esperti,
vedranno arrivare sul mercato molta carta, conseguenza della
necessità dei governi di finanziare i programmi di prestiti e
contrastare la recessione.
 In un report di Natixis si legge che ad agosto ci saranno
emissioni da parte di Austria, Spagna, Germania, Italia e
Irlanda.
 Peraltro, la settimana prossima il mercato obbligazionario
europeo vedrà arrivare a maturazione titoli italiani e spagnoli
per 29 miliardi di euro, mentre altri 11 miliardi usciranno
dalle casse dei governi dell'area sotto forma di pagamenti di
cedole, per un totale di 40 miliardi.
 Ad agosto, anticipa Chiara Cremonesi, bond strategist di
UniCredit, arriveranno a maturazione nella zon euro titoli per
11 miliardi di euro, mentre settembre vedrà rimborsi per 26
miliardi.
 Lo spread fra il T-bond e il Bund decennali potrebbe
allargarsi, la settimana prossima, per effetto dell'emissione di
titoli Usa, fra tradizionali e legati all'inflazione (una novità
per Washington), per la cifra record di 115 miliardi di dollari.
 
 ============================= 17,30 ==========================
                                PREZZI  VAR.     RENDIMENTO
 FUTURES BUND SETT.   FGBLc1      120,36  (-0,19)
 BTP 2 ANNI  (MAR 11) IT2YT=TT    103,39  (-0,04)      1,394%
 BTP 10 ANNI (SET 19) IT10YT=TT    99,49  (-0,20)      4,358%
 BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=TT    95,87  (-0,09)      5,345%
 ======================== SPREAD (PB) =========================
                                        CHIUSURA PRECEDENTE
 TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     24                   21
 BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3      6                    8
 BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     89                   88
 BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    115                  118
 BTP 2/10 ANNI                      296,4                295,9
 BTP 10/30 ANNI                      98,7                100,7
 ==============================================================