Monetario stabile, atteso p/t in linea con ammontare in scadenza

lunedì 24 agosto 2009 12:05
 

MILANO, 24 agosto (Reuters) - Il mercato interbancario appare stabile, con la liquidità che si mantiene "più che abbondante, ad avviso dei tesorieri, abbondanza ancora una volta testimoniata dall'alto livello dei depositi.

Le tesorerie si aspettano una situazione stabile per i prossimi giorni, a meno che il pronti-contro-termine di domani non riservi qualche sorpresa.

"Qualcosa sul mercato potrebbe cambiarla il p/t di domani, se andasse un quantitiativo molto inferiore a quello in scadenza, ma non credo che qualcosa del genere possa accadere, ci aspettiamo infatti un collocamento in linea" dice un tesoriere.

Continuano a salire i fondi consegnati in Banca centrale dagli istituti di credito della zona euro. Nel fine settimana i depositi, remunerati al tasso allo 0,25%, sono saliti a 160,185 mld dai 159,101 mld di giovedì sera. In calo invece i prestiti marginali, a cui viene applicato un tasso dell'1,75%. L'ammontare richiesto venerdì è stato di 62 mld dai 98 mln della seduta precedente ECB40.

"I tassi sono bassi, con overnight attorno a 0,25-30%, e non si schioderanno dagli attuali livelli per quanche mese" prevede il tesoriere. "Il brevissimo così basso tira giù anche le altre scadenze, inclusa la curva Euribor".

L'Euribor a 3 mesi EURIBOR3MD=, tasso di riferimento per i prestiti interbancari, ha registrato anche oggi un nuovo minimo storico. Nel fixing londinese di questa mattina è sceso a 0,843% da 0,849% di venerdì, precedente minimo. In calo anche la scadenza a una settimana EURIBORSWD=, fissata a 0,343% da 0,343%, e quella a sei mesi EURIBOR6MD= in lieve flessione a 1,106% da 1,107%.

Data l'abbondanza di liquidi nel sistema, non pesano particolarmente i riversamenti fiscali mensili, che comprendono anche 'la coda' dell'Unico, per una distruzione complessiva stimata sui 30 miliardi.

Attorno alle ore 11,50 sulla strip dei derivati Euribor la scadenza a settembre FEIU9 è poco mossa a 99,180 (-0,005), quella a dicembre FEIZ9 a 99,065 (+0,005), quella a marzo 2010 FEIH0 a 98,835 (+0,010).