Usa, Paulson vede acquisto asset partire da bond legati a mutui

martedì 23 settembre 2008 19:52
 

WASHINGTON, 23 settembre (Reuters) - Il segretario al Tesoro Usa, Henry Paulson, ha detto di non poter dettagliare, in questa fase, la struttura attraverso cui avverrà l'acquisizione di asset deteriorati in base al piano da 700 miliardi di dollari, ma ha anticipato che il punto di partenza probabilmente saranno i portafogli obbligazionari che hanno come sottostante i mutui.

Rispondendo alle domande dei senatori membri del comitato Banche insieme al presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, al presidente della Sec, Christopher Cox, e al direttore del'agenzia federale che vigila sui finanziamenti immobiliari, James Lockhart, Paulson ha spiegato di puntare a "una grande trasparenza", pur non potendo, al momento, dettagliare la struttura del piano.

Paulson, inoltre, ha fatto sapere di aver "parlato con diverse banche centrali in giro per il mondo, facendo pressioni perché adottino programmi simili a quello americano".

Per quanto riguarda i costi per i contribuenti del programma di salvataggio, il segretario al Tesoro ha detto che "non sono quantificabili" e "dipenderanno dalla ripresa del mercato immobiliare, dell'economia e dalle vendite di asset".

Paulson non ha nascosto che la situazione "è imbarazzante per gli Stati Uniti". Infine, ha detto che il piano sarà pronto in settimana o, comunque, prima dello scioglimento del Congresso.

"Probabilmente partiremo con una serie di titoli semplici, come le obbligazioni mortgage-backed", ha argomentato il segretario al Tesoro. "La prima tranche sarà piccola, non sarà una quota significativa dei 700 miliardi che vorremmo iniettare velocemente nel mercato".

Paulson ha parlato di "approcci diversi per le varie asset class", soffermandosi sulla complessità degli strumenti in circolazione e sulla necessità di trovare intese con "migliaia di istituzioni". A suo giudizio, inoltre, il meccanismo di acquisto di asset avrà bisogno di "un organismo di sorveglianza".

Il segretario al Tesoro ha evidenziato che "sino a che il mercato immobiliare non si sarà stabilizzato, non ci sarà possibilità di stabilizzare il sistema finanziario".