PUNTO 1 -Bonus per chi non licenzia non molto utile - Bombassei

lunedì 22 giugno 2009 11:54
 

(Aggiunge dichiarazioni Diana Bracco, vice presidente Confindustria con delega alla ricerca e innovazione)

MILANO, 22 giugno (Reuters) - Per il vice presidente di Confindustria, Alberto Bombassei l'ipotesi di un bonus per le aziende che non licenziano, pur buona in teoria, rischia di non essere molto utile.

Lo ha detto il vice presidente di Confindustria questa mattina, a margine di una conferenza alla Fondazione Cariplo a Milano.

"E' un po difficile dare un giudizio. Personalmente credo sia una cosa buona, ma che non serva moltissimo perchè se un'azienda per un lungo periodo non ha necessità di produrre non è certo l'incentivo che gli fa bloccare i licenziamenti", ha dichiarato.

"Le misure che oggi ci sono a livello di Cig ordinaria e straordinaria dovrebbero garantire un periodo sufficientemente lungo perchè si possa riprendere (a produrre)".

"Chiaro che se i tempi dovessero essere così lunghi non c'è inventivo che tenga. Un'azienda deve ristruttursi ed è quasi un obbligo", conclude. Diana Bracco, vice presidente di Confindustra con delega alla ricerca e innovazione, ritiene che il bonus "va nella direzione giusta anche se è molto importante anche sostenere le aziende nel loro sforzo per investire".

Per stimolare la circolazione della liquidità, ha aggiunto la Bracco a margine dell'incontro, è primario anche che la pubblica amministrazione paghi i debiti alle imprese.

"Il pagamento dei debiti dallo Stato alle aziende è molto importante per rimettere in movimento liquidità fresca e innescare la spirale virtuosa della ripresa".