23 ottobre 2009 / 05:50 / tra 8 anni

MONETARIO - Cosa succede oggi venerdì 23 ottobre

* Clima rovente ai vertici del governo: Tremonti starebbe meditando le dimissioni dopo l‘annuncio a sorpresa di ieri di Berlusconi su un graduale taglio dell‘Irap. E’ quanto riferiscono alcuni quotidiani italiani. Il Corriere della Sera scrive che “Tremonti non rimarrebbe un minuto di più al suo posto nel governo se il premier dovesse scegliere la via facile della spesa pubblica”

* Arriva dalla Germania l‘indice Ifo di ottobre, espressione della fiducia delle imprese tedesche. Le attese sono per un indice a 92, dal precedente 91,3 che rappresenta il massimo livello dell‘anno

* Si attendono da Francia, Germania e zona euro le stime preliminari dei Pmi manifattura, servizi e composito in riferimento al mese di ottobre. Il consensus è orientato verso un lieve rialzo degli indicatori, tutti al di sopra della soglia di 50, discrimine fra espansione e contrazione

* Le esportazioni cinesi dovrebbero riprendere a crescere su anno a partire da questo trimestre sulla scia della graduale ripresa del commercio mondiale. Lo ha detto questa mattina un ricercatore del Ministero del Commercio. Sempre in Cina l‘autorità di supervisione bancaria ha ordinato agli istituti di eseguire degli stress test trimestrali per rafforzare il controllo sul credito e la gestione della liquidità

* La chiusura di New York ha visto il reddito fisso americano sulla difensiva, penalizzato dal rialzo dell‘azionario e dall‘annuncio di una nuova ondata di aste sulle scadenze a 2, 5 e 7 anni. La prossima settimana il Tesoro emetterà titoli per complessivi 123 mld di dollari, un ammontare che supera il record settimanale di 115 mld visto a luglio. Il benchmark decennale ha chiuso in calo di 8/32 con tasso al 3,424%, il 2 anni invariato con rendimento allo 0,952%, il 30 anni a -18/32 con tasso al 4,243%

* Il greggio passa di mano sulle piazze asiatiche a circa 81,5 dollari al barile, dimostrando di aver rotto con successo il trading range prevalente nel terzo trimestre tra 65 e 75 dollari. Gli analisti prevedono adesso un periodo di consolidamento, ma non escludono un ulteriore rialzo verso quota 102 dollari al barile. Intorno alle 7,30 il contratto a dicembre sul Nymex guadagna 35 cent a 81,54 dollari, l‘analoga scadenza sul Brent circa 37 cent a 79,88 dollari

DATI MACROECONOMICI

FRANCIA

* Spese consumatori settembre (8,45) - attesa 0,5% m/m

* Stima flash Pmi manifatturiero ottobre (8,58) - attesa 53,4

* Stima flash Pmi servizi ottobre (8,58) - attesa 53,9

* Stima flash Pmi composito ottobre (8,58)

GERMANIA

* Stima flash Pmi manifatturiero ottobre (9,28) - attesa 50,2

* Stima flash Pmi servizi ottobre (9,28) - attesa 52,5

* Stima flash Pmi composito ottobre (9,28)

* Indice Ifo ottobre (10,00) - attesa 92,0

GRAN BRETAGNA

* Stima Pil 3° trimestre (10,30) - attesa 0,2% t/t; -4,6% a/a

ZONA EURO

* Stima flash Pmi manifatturiero ottobre (9,58) - attesa 50,1

* Stima flash Pmi servizi ottobre (9,58) - attesa 51,4

* Stima flash composito ottobre (9,58) - attesa 51,6

* Ordini industria agosto (11,00) - attesa 1,2% m/m; -4,6$ a/a

USA

* Vendita case settembre (16,00) - attesa 5,35 milioni

BANCHE CENTRALI

USA

* A Chatham attesi interventi di Bernanke (14,30) e di Kohn (17,30)

ZONA EURO

* A Vienna intervento Nowotny (12,30).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below