IT Holding, si indaga sul bond, verso domande risarcitorie-fonte

venerdì 22 maggio 2009 18:01
 

MILANO, 22 maggio (Reuters) - I tre commissari straordinari di IT Holding ITH.MI ipotizzano "condotte criticabili" e "profili di illiceità" nell'ambito dell'operazione di emissione del bond da 185 milioni e sperano quindi di avere maggiori possibilità di svolgere domande risarcitorie.

E' quanto fa sapere una fonte vicina al dossier, confermando che sulla questione sta indagando la procura di Milano, come riportato oggi dal settimanale Il Mondo.

IT Holding Finance, società lussemburghese controllata da IT Holding che ha emesso il bond per l'acquisizione della Gianfranco Ferrè, è stata di recente attratta nella procedura di amministrazione straordinaria, in quanto in questo modo si pensa che "sia possibile arrivare a una più dettagliata ricostruzione della complessità dell'operazione che ha portato all'emissione obbligazionaria".

La fonte sottolinea che a questo proposito non vengono esclusi "profili di illiceità, che in qualche modo potrebbero coinvolgere anche gli istituti di credito che hanno contribuito alla erogazione dei finanziamenti".

I joint lead manager dell'operazione sono stati nell'ottobre 2004 Banca Imi (Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione)) e Merrill Lynch. Nessun commento dai due istituti.

Di conseguenza, prosegue la fonte, potrebbero esserci "maggiori possibilità per svolgere domande risarcitorie, in quanto proprio la società lussemburghese pare essere stata oggetto di condotte criticabili".

La prima società del gruppo di moda finita in amministrazione straordinaria è Ittierre lo scorso febbraio. Al momento sono 13 le società del gruppo soggette alla procedura prevista dalla legge Marzano, tra cui IT Holding e le due lussemburghesi IT Holding Finance e la controllante PA Investments.

I tre commissari nominati dal ministero dello Sviluppo economico sono Stanislao Chimenti, Roberto Spada e Andrea Ciccoli.