Lettonia, situazione molto più grave di attese - economista Fmi

lunedì 22 giugno 2009 15:58
 

PARIGI, 22 giugno (Reuters) - Sul fronte della crescita e dei conti pubblici l'economia lettone versa in condizioni molto più gravi di quanto previsto quando è stato predisposto il programma di aiuti messo a punto da Fondo monetario internazionale e Unione europea.

Lo dice a Reuters l'economista capo del Fondo Olivier Blanchard, aggiungendo che l'ancoraggio della valuta lettone all'euro fa parte del programma tra Riga e il Fondo e non c'è motivo venga al momento ridiscusso.

"La base del programma è stata finora che si trattasse un programma con un ancoraggio della valuta: il programma prevede l'ancoraggio e non c'è al momento motivo di riconsiderarlo" spiega.

Restando in tema di paesi baltici, nel frattempo, da Vilnius il Fondo monetario internazionale annuncia di stimare per il prodotto interno lordo lituano di quest'anno una contrazione pari a 16%, peggiore del calo di 10% ipotizzato ad aprile, seguita da una flessione di 3,75% nel 2010.

Sempre secondo il Fondo, che ha concluso oggi le regolari consultazioni sull'economia lituana, è necessario un ulteriore consolidamento nel settore pubblico pari a fino 7% nel medio termine.

Vilnius non ha comunque presentato al Fondo richiesta di assistenza finanziaria e l'organizzazione basata a Washington resta del parere che l'attuale regime di cambio - un 'currency board' con una parità su euro fisssata a 3,4528 - sia credibile in vista di un ingresso nella valuta unica europa.