PUNTO 2 - Italia prezza BTPei 2041 da 3,5 mld, 90% all'estero

mercoledì 21 ottobre 2009 20:10
 

(Riscrive, aggiunge scomposizione del collocamento, commento Cannata, background, commenti)

MILANO, 21 ottobre (Reuters) - E' stato collocato per il 90% all'estero e per oltre la metà alle banche, il nuovo BTPei 2041 prezzato oggi per 3,5 miliardi di euro.

Il nuovo BTPei, il più lungo linker della zona euro e il primo sindacato a trent'anni dopo l'OATei 2040 del 2007, "prezzato a 98,891, offre una cedola del 2,55% e un rendimento reale del 2,618%" ha detto a Reuters uno dei lead manager dell'operazione.

Su un libro ordini di quasi 5 miliardi il nuovo linker è stato prezzato per offrire un rendimento pari a +13 pb sopra quello del BTPei 2035, su un'ipotesi iniziale di +11-14 pb.

A investitori esteri è andato il 90% dell'ammontare collocato, come indicato in una nota del Tesoro, con circa il 10% a investitori italiani. Il paese più presente è stata la Gran Bretagna con una partecipazione del 44%, seguita dalla Francia con un 15%. Inoltre sono state le banche, con una partecipaizone del 56%, a fare la parte del leone, mentre i fondi pensione hanno partecipato per il 15% e quelli di investimento per il 22%.

"La forte partecipazione staniera riflette l'attenzione in generale per il debito italiano" ha commentato Maria Cannata, responsabile al Ministero del Tesoro della gestione del debito. "In particolare c'è da notare la partecipazione di un 4% dall'Asia e di un 7% dal Nord America, una partecipazione non elevata ma significativa".

"La complessità di questa operazione è da mettere in relazione con la volatilità di questo mercato che probabilmente ha indotto in alcuni investitori (più che altro assicurazioni) un atteggiamento attendista, mentre la forte partecipazione delle banche riflette l'attesa di un concreto interesse che non tarderà a manifestarsi in acquisti nei prossimi giorni o settimane".

BREAK EVEN INFLATION VISTA A 238 PB, IN LINEA CON MERCATO   Continua...