Btp ben chiesti, come borse, dopo dati Usa, spread con bund a 75

venerdì 21 agosto 2009 17:31
 

 MILANO, 21 agosto (Reuters) - Sono stati i dati Usa sulle
case , più delle parole di Bernanke, a ispirare una nuova ondata
di ottimismo per la ripresa economica, ondata che si è
trasferita sulle borse e sui titoli di Stato dei paesi
periferici.
 Come già era accaduto stamane dopo gli indici Pmi della zona
euro, risultati superiori alle attese, anche nel pomeriggio la
maggior fiducia ha fatto uscire gli investitori dal porto sicuro
dei bund che quindi risultano sotto pressione.
 Di conseguenza, il differenziale di rendimento tra il Btp
settembre 2019 e il Bund luglio 2019 è sceso fino a scendere a
75 pb ai minimi dal 13 agosto scorso e in buon restringimento da
ieri quando si era mosso tra 81 e 84 pb. Lo scorso 11 agosto lo
spread aveva toccato un minimo a 63 pb, riportandosi su livelli
precedenti al fallimento della banca d'affari Lehman Brothers,
mentre solo a metà luglio era a 121 pb.
 Negli Usa le vendite di case nuove hanno visto in luglio un
balzo del 7,2%, balzo massimo da ben 10 anni. Invece le parole
di Bernanke sono state giudicate dai dealer "caute e vaghe,
oltre che con nulla di nuovo" nel prospettare una ripresa
economica nel breve termine, ma relativamente lenta all'inizio. 
 Stamane il Pmi preliminare della zona euro ha mostrato un
indice che si sta avvicinando sempre più al livello di 50 che fa
da spartiacque tra contrazione ed espansione, raggiungendo il
livello più alto in 14 mesi, quindi ben prima del fallimento di
Lehamn (15 settembre). 
 Sulla base di questi dati, sul mercato si è iniziato
scommettere su quale sarà il primo paese e ricominciare ad
alzare i tassi. Le scommesse vedono in pole position Australia e
Norvegia e vedono la Bce precedere la Fed.
 Atteso a mercati chiusi l'annuncio del Tesoro per le aste
della prossima settimana.
 Oltre a Bot e Ctz, in questa tornata d'asta è il turno della
riapertura di Btp luglio 2012 cedola 2,5%, Btp settembre 2019
cedola 4,25% con scadenza e Cct luglio 2016. Non sono attesi
titoli off-the-run e anche per il BTPei, pur in calendario, c'è
qualche possibilità che il Tesoro, come l'agosto scorso, lo
salti. "O si fa il BTPei a 10 anni, oppure non su fa nulla"
prevede un dealer.
 In ogni caso le aste sono attese "andare benissimo vista la
forte domanda per la carta italiana e non si vede neppure alcuna
pressione sui titoli in asta " osserva uno specialist. 
 Intanto il mercato si sta preparando al lancio del nuovo
futures sul Btp, che l'Eurex inaugurerà il 14 settenmbre
prossimo.
 "La successiva asta italiana è in calendario per il 14
settembre, quindi se il futures Btp debutterà quel giorno alle
8,00 la prossima offerta di Btp sarà l'ultima asta regolare
prima del lancio dei futures", spiega David Schnautz, bond
analyst di Commerzbank a Francoforte.

 ============================= 17,20 ==========================
                                PREZZI  VAR.     RENDIMENTO
 FUTURES BUND SETT.   FGBLc1      122,06  (-0,46)
 BTP 2 ANNI  (MAR 11) IT2YT=RR    103,23  (-0,11)      1,399%
 BTP 10 ANNI (SET 19) IT10YT=TT   101,75  (-0,02)      4,075%
 BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=RR   101,11  (-0,21)      4,989%
 
 ========================= SPREAD (PB) =========================
                                       CHIUSURA PRECEDENTE
 TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     27                   22
 BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3      3                    8
 BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     76                   83
  - livelli minimo/massimo        75,0/84,0        80,7/84,5
 BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    101                  103
 BTP 2/10 ANNI                      267,6               270,8
 BTP 10/30 ANNI                      91,4                89,6
==============================================================