Monetario sottile, tasso o/n sotto 3%, stornano derivati Euribor

venerdì 21 novembre 2008 12:19
 

MILANO, 21 novembre (Reuters) - Con le borse che tornano a salire, i derivati sulla curva Euribor interrompono il rally degli ultimi giorni, amplificato ieri dalla decisione della Banca Centrale Svizzera di tagliare a sorpresa i tassi di interesse di un punto percentuale.

Intanto le banche della zona euro continuano a non fidarsi l'una dell'altra e a preferire i più magri ma sicuri rendimenti dei depositi a un giorno presso la Banca Centrale Europea, ieri ancora superiori ai 200 miliardi di euro.

"Ma i prestiti marginali rimangono bassi e questo è un segnale positivo", commenta un tesoriere dopo che i flussi pagati presso la Bce al 4,25% ieri sono stati pari a 2,174 miliardi. "Il mese scorso avevano toccato punte di 22 miliardi, vuol dire che le operazioni a importi illimitati della Bce soddisfano le richieste".

Fuori dai circuiti dei broker - dove è possibile rilevare l'andamento del tasso overnight altrimenti meno indicativo sul Mid data l'esiguità degli scambi - il tasso dei prestiti ad un giorno resta sotto il 3%, in direzione del marginale dei depositi del 2,75%. Ieri il tasso Eonia ha prolungato la discesa, attestandosi al 2,913%.

"Dopo mercoledì 19 - quando i volumi sull'Eonia hanno toccato i massimi di questo periodo di mantenimento a 41 milioni - ieri gli scambi sono tornati a scendere", sottolinea il tesoriere, ricordando che il trend ormai è di volumi deboli a inizio settimana, un rafforzamento intorno a mercoledì e poi una nuova ridiscesa.

C'è attesa per come andrà il tre mesi in programma settimana prossima. "Saremo sui 70-75 miliardi", stima il tesoriere.

La crisi di fiducia sull'interbancario continua inoltre ad essere confermata dall'ampio differenziale, oltre 170 punti base, esistente fra il tasso chiave dei prestiti - l'Euribor a tre mesi fissato oggi al 4,021% - e la stessa scadenza sull'Eonia Swap.

STRIP EURIBOR CORREGGE DOPO RECENTE RALLY   Continua...