Governo, Scajola smentisce adesione a documento contro Tremonti

mercoledì 21 ottobre 2009 19:45
 

ROMA, 21 ottobre (Reuters) - Il ministro dello Sviluppo Claudio Scajola smentisce la sua partecipazione alla stesura di un contro-documento di politica economica o a iniziative per ridimensionare l'attività del ministro dell'Economia Giulio Tremonti.

Lo si legge in una nota nella quale Scajola precisa che tra lui e Tremonti esiste un confronto quotidiano leale.

"Non ho partecipato alla stesura di alcun contro-documento di politica economica, né ad alcuna iniziativa per `ridimensionare' il ministro Tremonti. Con il collega Tremonti ci confrontiamo quotidianamente, lealmente e in spirito di collaborazione, per individuare le misure migliori per arginare la crisi, rimettere in moto la ripresa, assicurare al Paese un futuro di crescita e di benessere", ha detto Scajola.

Il sito notapolitica.it ha pubblicato oggi il testo di un documento che sarebbe stato firmato tra gli altri, oltre che da Scajola, dal coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini, dal capogruppo alla Camera per il Pdl Fabrizio Cicchitto, dal ministro per l'Ambiente Stefania Prestigiacomo e da quello per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto, tutti "infastiditi dall'eccessivo protagonismo del superministro", scrive il sito.

Con questo documento si intenderebbe chiedere al premier Silvio Berlusconi una nuova rotta per la politica economica del governo. Articolato in dieci punti, il documento chiederebbe che vengano messe a punto alcune iniziative che affrontino l'abbassamento delle tasse, il debito pubblico e la riforma presidenziale, gli investimenti pubblici, l'energia nucleare, il piano casa, le infrastrutture, il contenimento della spesa, gli aiuti alle imprese, i rapporti con il mondo bancario e le riforme istituzionali.