October 20, 2008 / 11:22 AM / 9 years ago

Monetario, overnight continua calo, clima più disteso

3 IN. DI LETTURA

MILANO, 20 ottobre (Reuters) - Il mercato interbancario vede un leggero miglioramento del clima, anche se i tesorieri sono ancora molto cauti e guardano l'evoluzione della crisi internazionale.

"Ci troviamo come davanti a uno che è in coma e inizia a muovere le ciglia" osserva il tesoriere di una grande banca italiana per descrivere un mercato cash che, da ingessato, inizia a mostrare "qualche interesse in più da controparti che da tempo non si vedevano, un maggior numero di contatti, qualche scambio in più, offerte di fondi anche abbastanza consistenti".

"La cautela è d'obbligo, dice un altro, ma qualcosa si sta muovendo" dice un altro pur consapevole che "potrebbe bastare una sola brutta notizia sul mercato del credito per far precipitare tutto di nuovo".

Alla base del miglioramento sono stati i molteplici e variegati interventi da parte di governi e autorità per cercare di risolvere la crisi. Nel week end è stato annunciato un summit internazionale del G8 allargato per discutere della crisi.

"Dal nostro punto di vista il segnale più rassicurante è venuto dall'annuncio dell'ampliamento delle attività stanziabili in occasione del p/t e l'annuncio del p/t a lunga a tasso fisso" dice un tesoriere.

Il tasso overnight cede ancora leggermente e così anche l'Euribor. Il primo quota oggi attorno al 3,20% dopo che l'Eonia venerdì è stato fissato a 3,615% in un trend discendente iniziato dal picco di 4,601% dello scorso 7 ottobre.

"E' un percorso difficile e in cui tutti procedono con i piedi di piombo, ma, per ora, si va avanti" dice un altro.

In calo anche il tasso Euribor e il Libor. La scadenza a tre mesi del primo è stata fissata oggi al livello chiave del 5% e il secondo al 4,99%.

L'Eoniaswap a tre mesi è stato fissato oggi a 3,349% indicando uno spread rispetto al tasso euribor corrispondente, visto come l'indice della fiducia delle banche nel prestare i soldi alle loro controparti, a 165 punti base.

Attese oggi per l'ammontare benchmark del p/t settimanale della Bce, che -- secondo i tesorieri -- dovrebbe risultare molto più contenuto, anche perchè occorre asciugare tutta quella liquidità in eccesso che da circa una settimana (da quando la Bce ha stretto il corridoio tra le standing facilities a 100 pb) porta il ricorso ai depositi presso la Bce a segnare, giorno dopo giorno, nuovi record. Venerdì i depositi hanno raggiutno l'ammontare record di 239,6 miliardi.

Inoltre c'è attesa per il primo p/t a lunga a tasso fisso in programma per la prossima settimana.

"Dipenderà però dal tasso a cui vorrà fissarlo la Bce" dice un tesoriere.

I volumi venerdì, sulla scadenza overnight, sono cresciuti leggermente a 50,2 milairdi rispetto alla media dei gioni scorsi (attorno ai 48 miliardi), dopo minimi sui 30 miliardi.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below