Germania, consiglio ministri dettaglia piano salvataggio banche

lunedì 20 ottobre 2008 10:54
 

BERLINO, 20 ottobre (Reuters) - Il consiglio dei ministri tedesco ha messo a punto la serie di rigide condizioni previste per l'accesso degli istituti di credito al pacchetto di 500 miliardi di euro messo a disposizione dall'esecutivo alle banche in difficoltà.

Da segnalare tra i nuovi requisiti i limiti a salari, bonus e liquidazioni dei manager.

Berlino ha anticipato le linee giuda delle nuove misura di legge la scorsa settimana, in un intervento coordinato e parallelo ad analoghe misure di altri paesi europei volte a riportare un clima di fiducia nel settore finanziario.

Il provvedimento di legge ha ricevuto venerdì scorso il via libera del governo ma il consiglio dei ministri è tornato a riunirsi stamane per fissare le condizioni di accesso delle banche alla rete di salvataggio pubblico.

Un portavoce del ministero delle Finanze conferma che l'esecutivo ha appoggiato i previsti requisiti, tra cui la remunerazione "adeguata" dei manager.

Il consiglio dei ministri della 'Grosse Koalition' guidata da Angela Merkel, che riunisce conservatori e socialdemocratici, definisce così "improprie" remunerazioni annue superiori a 500.000 euro.

"I criteri sull'adeguatezza (della remunerazione) sono basati su responsabilità e performance individuale, condizioni dell'impresa, successo e prospettive per la società rispetto alle controparti di mercato" dicono le condizioni messe a punto dal governo.

Le banche che intendono aderire allo schema saranno, inoltre, chiamate ad annullare modelli di bonus e liquidazioni considerati inadeguati. In aggiunta, finché gli istituti utilizzeranno aiuti di Stato non potranno corrispondere dividendi agli azionisti.