Bce,Stato deve intervenire in più settori,anche auto-Bini Smaghi

lunedì 20 ottobre 2008 09:24
 

MILANO, 20 ottobre (Reuters) - Lo Stato deve intervenire in alcuni settori dove il mercato non funziona, come ha fatto nel settore finanziario e come potrebbe fare in quello automobilistico, e uscire da altri.

Lo ha detto Lorenzo Bini Smaghi, consigliere italiano del board della Banca centrale europea in un'intervista al quotidiano 'Il Riformista'.

"Lo Stato deve intervenire in alcuni settori dove il mercato non funziona e uscire da altri, dove ci vorrebbe più mercato. Sul fronte bancario, la presenza dello Stato sarà temporanea e non costerà nulla ai contribuenti, è solo un intervento di stabilità e garanzia" dice Bini Smaghi che vede nel lungo periodo anche vantaggi per i governi.

"Gli interventi sul capitale porteranno nel tempo a dei profitti -- precisa -- quando le quote di partecipazione statali saranno rivendute. Riguardo alle garanzie pubbliche dei piani di salvataggio le banche pagheranno un prezzo di mercato, che in Europa sarà armonizzato. Una volta finito l'intervento, per ristabilire la stabilità ci troveremo con un mercato migliore, perchè regolato meglio".

E l'intevento statale è auspicato anche per altri settori. "Credo che principi analoghi possano applicarsi ad altri settori, per esempio a quello automobilistico: gli Stati potrebbero intervenire con prestiti a lungo termine come è successo negli stati Uniti" dice Bini Smaghi. "L'intervento è solo una specie di bonus temporaneo, rimborsabile" dice.

L'altro criterio da seguire è che "gli interventi pubblici non creino distorsioni per il mercato. Perchè questo accada devono essere necessariamente coordinati a livello globale, altrimenti sarebbero iniqui" dice.

Sul tema del coordinamento Bini Smaghi insiste anche in relazione al programmato summit del G8 allargato anche ad altri paesi, all'Onu, al Fmi e alla Banca Mondiale.

"E' un passo avanti. Con la convocazione del vertice c'è il riconoscimento del fatto che se il problema è globale va affrontato in modo globale" dice nell'intervista.

Tra ciò che ci si può aspettare da questo G8 allargato - dice Bini Smaghi -- oltre alle "regole generali sulla regolamentazione finanziaria", c'è anche una definizione dei "meccanismi di coordinamento per intervenire in situazioni straodinarie come quelle attauli"   Continua...