Italia, Fmi indica deficit 2009 a 4,8% Pil, 5,2% in 2010

giovedì 19 marzo 2009 14:34
 

MILANO, 19 marzo (Reuters) - In un documento relativo alla crisi finanziaria preparato per il paesi G20, il Fondo monetario indica per l'Italia un deficit pubblico di 4,8% del Pil a fine 2009. Il disavanzo è proiettato in ulteriore rialzo a 5,2% del Pil nel 2010.

Nel documento finale pubblicato dall'Fmi al termine della missione article IV sull'Italia, l'organismo internazionale aveva indicato per il 2009 un deficit del 3,9% del Pil. Per il l'anno successivo, il disavanzo era indicato al 4,3% del Pil in un paper pubblicato lo scorso 6 marzo.

In una sessione sugli interventi messi in campo dai diversi paesi per sostenere l'economia, il documento pubblicato oggi nota che l'Italia è entrata nella crisi finanziaria con tassi di interesse reali elevati e con un alto livello di debito, due fattori che hanno limitato le risorse da dedicare a misure economiche espansive.

Secondo le stime dello staff del Fondo, l'Italia ha dedicherà a misure fiscali discrezionali 0,2% del Pil quest'anno e 0,1% del Pil l'anno prossimo. Tra i paesi della zona euro, la Francia spenderà in misure fiscali dicrezionali 0,7% del Pil sia nel 2009 sia nel 2010, mentre la Germania si impegnerà con interventi da 1,5% del Pil quest'anno e da 2% del Pil il prossimo.