Monetario poco vivace, o/n in lieve rialzo verso fine trimestre

mercoledì 18 marzo 2009 15:56
 

MILANO, 18 marzo (Reuters) - Il mercato interbancario è poco vivace oggi e conferma la tendenza a un graduale rialzo del tasso giorno a giorno con l'approssimarsi della scadenza di fine trimestre.

Nel primo pomeriggio l'overnight viaggia a 0,80/0,85% dopo che ieri l'Eonia è stato fissato a 0,885% da 0,865% del giorno prima. Secondo i tesorieri, il rialzo potrebbe continuare.

Stamane il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, ha detto che l'istituto non ha ancora deciso se l'attuale livello dei tassi - ridotti al minimo storico di 1,5% - rappresenti il minimo possibile, ma ha aggiunto che la politica del tasso zero porta con sè un certo numero di svantaggi.

Sulla possibilità che la Bce adotti misure di politica monetaria alternativa, Trichet ha risposto che l'istituto sta considerando l'eventualità di misure complementari che non devono, però, essere necessariamente identiche a quelle delle altri banche centrali.

"Sull'allentamento quantitativo c'è attesa per quanto verrà comunicato stasera dalla Federal Reserve" dice un dealer, che non si aspetta già oggi l'annuncio di acquisti di Treasuries a lungo termine. "Mi attendo piuttosto un aumento degli acquisti dei titoli delle agenzie".

La suspence sulla Fed sembra, comunque, fare bene ai derivati sui tassi che, anche quelli in euro, sono in discreto rialzo.

Alle 15,30 italiane, il contratto sull'Euribor scadenza giugno FEIM9 sale di 4,5 punti base a 98,615, mentre settembre FEIU9 balza di 5 pb a 98,555. Dicembre vale 98,325, in rialzo di 4 punti base.

Sempre sul fronte dei tassi a tre mesi oggi il differenziale fra il tasso di riferimento per i prestiti sull'interbancario - l'Euribor a tre mesi oggi fissato all'1,602% - e la medesima scadenza sull'Eonia swap (oggi allo 0,710%), che esprime le attese del mercato sui tassi overnight, rimane attorno ai 90 centesimi dai 10 punti base in tempi normali.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.