Banche, Tesoro valuta sconto fiscale su sofferenze - fonte

mercoledì 18 novembre 2009 15:58
 

ROMA, 18 novembre (Reuters) - Il ministero dell'Economia apre all'ipotesi di un intervento a favore del settore bancario per rivedere in meglio la svalutazione fiscale dei crediti in sofferenza.

Lo dice una fonte governativa riferendosi alla parte della manovra triennale, varata con decreto nel giugno del 2008, che ha ridotto allo 0,30% dallo 0,40% la soglia di deducibilità fiscale delle sofferenze.

"È una delle ipotesi sul tavolo dei tecnici", spiega la fonte confermando parte di ciò che scrive oggi il quotidiano Mf, secondo il quale il governo avrebbe allo studio uno sconto una tantum sulla deducibilità fiscale degli incagli degli istituti di credito del 2009.

La misura potrebbe vedere la luce in Finanziaria o in un nuovo decreto anticrisi, di cui si parla da giorni e che potrebbe essere pronto ai primi di dicembre, riferisce la fonyr. Non è chiaro al momento come sarà articolato l'intervento e il suo impatto sulle casse dell'erario.

L'intera Robin tax sulle banche, che comprende anche la minore deducibilità degli interessi passivi, vale nel 2009 circa 2 miliardi di euro.

Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ha vincolato la revisione del regime fiscale sulle sofferenze al successo della moratoria sui debiti concordata tra Abi e Confindustria questa estate.