Credito al consumo, giapponese Aiful chiede dilazione su debito

venerdì 18 settembre 2009 12:19
 

TOKYO, 18 settembre (Reuters) - L'istituto di credito al consumo giapponese Aiful Corp (8515.T: Quotazione) ha annunciato che chiederà ai creditori una dilazione sul rimborso di debiti per 280 miliardi di yen (3 miliardi di dollari), perché fa fatica a raccogliere fondi e ha in programma un'ulteriore ristrutturazione.

Gli istituti di credito giapponesi sono stati penalizzati dalla regolamentazione che ha abbassato i tassi di interesse massimi e da una giurisprudenza che li ha costretti a rimborsare interessi passati adesso considerati illegalmente alti.

Di conseguenza, importanti istituti di credito al consumo come Promise Co Ltd 8574.T e Acom Co Ltd (8572.T: Quotazione) si sono alleati con grandi banche giapponesi. Alcuni società Usa, come General Electric (GE.N: Quotazione) e Citigroup (C.N: Quotazione), sono uscite dal mercato.

Secondo gli analisti sia Aiful che la rivale Takefuji 8564.T - nessuna delle quali appartiene a un gruppo bancario - continueranno a far fatica a finanziarsi.

Tra i maggiori creditori di Aiful figurano Sumitomo Trust and Banking Co 8403.T, con 90,8 miliardi di yen di crediti in essere, e Aozora Bank (8304.T: Quotazione), che ha detto di avere crediti verso Aiful per 37,9 miliardi di yen oltre a 17,4 miliardi verso la controllata Life Co Ltd.