CORR.UFF-Consob,in scambi bond possibile prospetto paese origine

lunedì 18 maggio 2009 16:47
 

Consob corregge termine per adempimento obblighi di comunicazione delle partecipazioni rilevanti al 30 giugno 2009 invece che al 15 giugno 2009, come indicato erroneamente nella newsletter. Segue versione corretta.

MILANO, 18 maggio (Reuters) - La Consob ha deciso di modificare e integrare gli articoli 37 e 40 del regolamento emittenti, anche allo scopo di ripristinare la parità di trattamento nei confronti dei portatori italiani dei titoli obbligazionari oggetto delle offerte transfrontaliere, consentendo effettivamente a questi ultimi di aderirvi.

Lo si apprende dalla newsletter della Commissione che ha reso noto agli operatori che, in occasione di offerte di scambio transfrontaliere aventi ad oggetto titoli obbligazionari, l'offerente potrà utilizzare, in luogo del documento d'offerta redatto conformemente allo schema 2A allegato al regolamento emittenti, il prospetto approvato dall'autorità competente del Paese d'origine in conformità alla direttiva prospetti.

La Consob ha inoltre previsto, in tutti i casi di offerte pubbliche di acquisto e scambio aventi ad oggetto obbligazioni e altri titoli di debito, una durata più breve (5 giorni) del periodo minimo di adesione.

In tema di offerta pubblica di acquisto totalitaria, la legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha fissato al 5% la soglia di acquisti da parte di coloro che già detengono una partecipazione superiore alla soglia del 30% senza disporre della maggioranza dei diritti di voto nell'assemblea ordinaria, il cui superamento determina l'insorgere dell'obbligo di offerta.

La modifica legislativa ha reso necessario cambiare l'articolo che, in virtù della previgente disciplina primaria che nulla specificava riguardo l'entità della soglia, individuava quest'ultima nel 3%; Infine, riguardo agli obblighi di comunicazione delle partecipazioni rilevanti, è stato chiarito che i soggetti che detengono, alla data di entrata in vigore della delibera 16850 del 1° aprile 2009, una partecipazione, effettiva o potenziale, divenuta rilevante a seguito della mera applicazione della nuova disciplina, sono tenuti all'adempimento degli obblighi di comunicazione entro il 30 giugno 2009.