Crisi, per occupazione il peggio deve arrivare - Epifani

lunedì 18 maggio 2009 13:51
 

ROMA, 18 maggio (Reuters) - Non solo la crisi economica non è superata ma sul fronte dell'occupazione il peggio si vedrà nei prossimi mesi; per questo è necessario che il governo intervenga rapidamente raddoppiando la durata della cassa integrazione ordinaria e alleggerendo il fisco per dipendenti e pensionati.

Lo ha detto stamani il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, che è anche tornato a chiedere la restituzione del fiscal drag e una maggiore flessibiità per il patto di stabilità interna.

"La crisi non solo c'è ma è destinata ad avere effetti profondi anche e soprattutto nei prossimi mesi...Il peggio non è passato; almeno per l'occupazione il peggio deve arrivare e ci troveremo ad affrontarlo nei prossimi mesi", ha detto Epifani intervenendo all'assemblea delle Camere del Lavoro della Cgil.

Epifani giudica "non adeguate" le scelte del governo per contrastare la crisi e auspica un confronto che porti rapidamente ad adottare, fra l'altro, "una maggiore flessibilità del patto di stabilità interno da parte dei Comuni; una politica di contrasto a elusione ed evasione assegnando i proventi a pensionati e lavoratori dipendenti; estensione da subito della cig da 52 a 104 settimane" perché spiega "possiamo trovarci da qui a pochissimo con ristrutturazioni di aziende e avvio di mobilità con le relative conseguenze sociali".

Quanto all'indagine Ocse pubblicata ieri secondo la quale i salari netti italiani sono fra i più bassi dell'area e alla proposta del mimistro del Welfare di legare i salari agli utili delle aziende, il leader sindacale dice: "Sacconi non ha letto bene le statisiche che invece confermano quello che la Cgil dice da sempre e cioè che non basta detassare il salario di secondo livello ma bisogna detassare il reddito da lavoro a livello nazionale e restituire il drenaggio fiscale".