Treasuries Usa tornano positivi su dati Cpi maggio sotto attese

mercoledì 17 giugno 2009 15:41
 

NEW YORK, 17 giugno (Reuters) - Con un'inversione di tendenza rispetto alla mattina, i prezzi dei titoli di stato americani sono tornati a salire.

Complice un aumento dell'inflazione inferiore alle attese a maggio, si assopiscono temporaneamente le preoccupazioni sui massicci piani di stimolo economico e sul loro possibile impatto sull'aumento dei prezzi.

L'indice ufficiale sui prezzi al consumo, il principale barometro per l'inflazione, è salito il mese scorso dello 0,1%, al di sotto della mediana del consensus che puntava su un rialzo più marcato dello 0,3%.

"Il mercato lo interpreta come un segnale non inflazionistico. L'aumento dei prezzi non è un problema all'ordine del giorno anche se potrebbe diventarlo in futuro", commenta Sean Simko, bond manager di Sei, in Pennsylvania.

Dopo aver toccato in mattinata un minimo di seduta a 95*05, il prezzo del benchmark decennale US10YT=RR sale di 4/32 a 95*25 e rende 3,634%, mentre il due anni US2YT=RR è piatto a 99*13 per un rendimento dell'1,176%.

Ha ridotto le perdite anche il trentennale US30YT=RR che, nel primo pomeriggio, passa di mano a 95*23, con prezzo in rialzo di 2/32 e rendimento del 3,641%.

L'attenzione degli investitori si sta già spostando sui due giorni di riunione di politica monetaria della Federal Reserve in programma la prossima settimana, in attesa di sapere se la banca centrale continuerà a comprare buoni del Tesoro per sostenere l'economia. Stasera ci sarà un secondo round di acquisti di debito pubblico in scadenza tra 7 e 10 anni, all'indomani di quelli sulle emissioni a breve per 6,45 miliardi di dollari.