UniCredit ha partecipato a swap titoli con Banca d'Italia - AD

venerdì 17 ottobre 2008 12:19
 

MILANO, 17 ottobre (Reuters) - La tesoreria di UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) ha cominciato a utilizzare gli strumenti che Banca d'Italia ha messo a disposizione delle banche, con l'avvio di operazioni di swap di titoli detenuti dalle banche con titoli di Stato di proprietà di Via Nazionale.

Lo ha detto l'amministratore delegato di UniCredit Alessandro Profumo, sottolineando che l'operazione conclusa ieri da UniCredit non ha riguardato 'asset tossici'.

"Non sono asset tossici, sono felice che la nostra tesoreria abbia cominciato a utilizzare gli strumenti che le autorità mettono a disposizione per avere materia prima per sostenere lo sviluppo delle imprese", ha detto Profumo.

Il manager non ha saputo indicare l'ammontare dell'operazione, ma ha sottolineato "qualunque cosa abbia fatto il tesoriere, va premiato".

Inaugurando queste operazioni, volte in ultima analisi a favorire la liquidità a disposizione degli istituti di credito, ieri Banca d'Italia ha dato in prestito titoli di Stato per 1,9 miliardi di euro a fronte di un'offerta fino a 10 miliardi.

Secondo una fonte vicina all'operazione alcuni dei partecipanti hanno presentato richieste per importi molto modesti, in una fase di rodaggio delle nuove procedure.

Tra questi Monte dei Paschi (BMPS.MI: Quotazione). La banca senese ha fatto sapere di aver partecipato con soli 10 milioni per effettuare un test.

Secondo il quotidiano MF UniCredit avrebbe fatto la parte del leone nell'operazione di ieri partecipando per un importo di 1,88 miliardi di euro.