Monetario, overnight in calo, depositi ancora sopra 200 mld

venerdì 17 ottobre 2008 10:18
 

MILANO, 17 ottobre (Reuters) - La liquidità resta sovrabbondante sul mercato monetario dove prosegue timidamente la tendenza a lavorare sulle scadenze brevi e non solo sull'overnight, segnale del lento miglioramento del clima sull'interbancario. La sfiducia continua tuttavia a dominare gli scambi: il ricorso ai depositi, anche ieri, è stato sostenuto, attestandosi sopra i 200 miliardi.

"Il brevissimo è abbastanza tranquillo, l'overnight ha aperto più in basso di ieri e la liquidità è abbondantissima", sottolinea un tesoriere. "Ma per il momento sono i depositi il dato che funziona da driver", aggiunge.

Il massiccio ricorso alle standing facilities si spiega anche con il fatto che queste ultime vengono remunerate ad un tasso relativamente più vantaggioso da quando la Bce ha ridotto a 100 da 200 punti base il corridoio tra il tasso dei depositi e quello finanziamenti.

I volumi ieri, sulla scadenza overnight, si sono mantenuti in linea con i giorni scorsi risalendo a 48,624 miliardi rispetto ai 47,059 miliardi del giorno precedente. Martedì gli scambi si erano attestati a 49,662 miliardi.

"Non sono volumi immensi ma si assiste ad una ripresa rispetto ai 30 miliardi che si erano sono visti", commenta ancora il tesoriere. "E' un livello che assicura la circolazione del denaro almeno sull'overnight mentre sulle altre scadenze gli scambi sono più rarefatti anche se ieri e stamattina si è visto qualcosina in più sul mese". Con un'avvertenza:" Non so quanto i prezzi che si vedono in giro stamattina siano effettivamente lavorati".

Nessuna svolta, dunque, ma qualche debole segnale dopo che la Bce ha ampliato la lista delle attività stanziabili per le operazioni di mercato aperto. Qualche cosa si muove anche su altri fronti. E' di mercoledì la notizia che le otto maggiori banche di credito cooperativo europee, rappresentative del 21% del mercato bancario retail europeo, hanno deciso di scambiarsi reciprocamente denaro sull'interbancario e di riaprire tra di loro linee di credito non garantite con scadenze fino a tre mesi per un importo compreso fra i 10 e i 15 miliardi di euro.

Del gruppo, denominato Unico, fa parte anche l'italiana Iccrea, al fianco di Crédit Agricole, DZ BANK, della finlandese Pohjola Bank, Rabobank (Olanda), Raiffeisen Zentralbank (Austria), Raiffeisen Switzerland e Banco Cooperativo Espanol.

Il tasso overnight, poco dopo le 10, viene trattato sul Mid a 3,3/3,5 dopo che ieri l'Eonia è stato fissato al 3,635%.