Pedemontana, Atlantia verso rientro in capitale - AD Serravalle

mercoledì 17 settembre 2008 13:35
 

MILANO, 17 settembre (Reuters) - Il cda di Milano Serravalle di oggi pomeriggio dovrebbe approvare la proroga della scadenza dell'opzione per la cessione del 33% del capitale di Pedemontana ad Atlantia (ATL.MI: Quotazione).

Lo ha anticipato l'amministratore delegato di Serravalle, Massimo Di Marco.

Parlando a margine della tavola rotonda "Le infrastrutture lombarde e l'Expo 2015", Di Marco, pur non volendo entrare nel dettaglio delle decisioni che adotterà il cda, ha detto che la riunione di oggi servirà per decidere "quale atteggiamento adottare sull'opzione di Autostrade, che scade il prossimo 1 ottobre".

E' probabile che Serravalle concederà una proroga, per dare più tempo ad Atlantia per deliberare il riacquisto di una partecipazione in Pedemontana: il gruppo guidato da Giovanni Castellucci, infatti, aveva in mano il 50% di Pedemontana sino all'ottobre 2007, quando cedette la partecipazione a Serravalle, conservando un'opzione per rientrare nel capitale successivamente.

Di Marco ha sottolineato di aver "sentito Castellucci la settimana scorsa" e di avere "conferme dirette dell'interesse (di Atlantia) a rientrare nel capitale".

Nel febbraio scorso, Serravalle aveva pubblicato un invito a presentare manifestazioni d'interesse per l'acquisizione di un ulteriore quota del 32% di Pedemontana. Il bando è stato più volte riaperto, ma l'operazione dovrebbe essere in dirittura d'arrivo.

Di Marco, infati, ha affermato che "pensiamo di chiudere questa parte del percorso entro un mese", riferendo l'interesse, per l'acquisizione di una partecipazione in Pedemontana, "di Banca Infrastrutture e Sviluppo (Biis, gruppo Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione)), Ubi Banca (UBI.MI: Quotazione) e delle banche di credito cooperativo (Bcc)".