Monetario, fondi in crescita dopo p/t ieri, tassi stabili

mercoledì 17 giugno 2009 11:53
 

MILANO, 17 giugno (Reuters) - Seduta interlocutoria per il mercato interbancario che, dopo la raccolta di fondi al p/t di ieri della Bce, si trova di nuovo con un livello positivo di liquidità, con tassi stabili sugli stessi livelli da giorni.

Con il p/t di ieri a sette giorni, che viene regolato oggi, le banche hanno incassato quasi 8 miliardi in più rispetto al p/t in scadenza, pari a 17 mld in più rispetto a quanto indicato dalla Bce come fisiologico per il sistema.

Da una situazione neutra di liquidità quindi, "si passerà a fine di questa settimana a una situazione di abbondanti numeri neri" dice un tesoriere.

L'attenzione resta ora soprattutto per il primo p/t a 12 mesi della storia, in agenda mercoledì prossimo, con previsioni di richieste che vanno da un minimo di 100/150 mld fino a un massimo di 250/300 mld.

Il p/t sarà al tasso fisso dell'1% e offerto 'a rubinetto', come il finanziamento principale e l'incertezza circa l'ammontare è legata alla convenienza per le tesorerie di tenere impegnati per un anno i titoli da dare a garanzia.

"Sapendo che comunque fino alla fine dell'anno continueremo ad avere i fondi 'a rubinetto' dalla Bce sulle altre scadenze, non credo vedremo un'esplosione di richieste al p7T a un anno" dice un tesoriere.

Il tasso overnight resta a fine mattinata a 0,70/0,80%, in linea con l'Eonia fissato ieri a 0,856%, con scambi effettuati per 36,3 mld dai 38,2 mld di ieri.

Poco variato anche l'ammontare dei fondi depositati ieri overnight presso la Bce, a 10,851 mld da 10,7 mld del gionro precedente.

Ancora una leggera limatura per il tasso euribor al fix odierno. La scadenza a tre mesi EURIBOR3MD= è stata fissata a all'1,244% dall'1,252% di ieri. Il differenziale tra questo tasso e quello analogo sull'Eonia swap EONIAINDEX3M= (oggi allo 0,764%) è risultata oggi a 48,0 da 47,5 pb ieri, ancora ai minimi di settembre scorso.   Continua...