S&P potrebbe rivedere rating banche Est Europa

martedì 17 febbraio 2009 17:16
 

LONDRA, 17 febbraio (Reuters) - Le crescenti difficoltà che le banche occidentali dovranno affrontare per sostenere le proprie controllate dei paesi emergenti europei potrebbero portare a una complessiva revisione dei rating degli istituti dell'area.

Lo dice Standard & Poor's sottolineando che le banche dell'Europa orientale e centrale stanno diventando più dipendenti dai finanziamenti delle case madri dell'Europa occidentale in un momento in cui la raccolta di capitale è ostacolata dalla crisi finanziaria.

"Potremmo dover rivedere alcuni dei rating delle banche in una situazione che sta diventando più difficile... Le banche dell'Europa occidentale stanno soffrendo per la crisi, che abbassa la loro capacità di fornire finanziamenti e altro supporto finanziario alle loro controllate nell'Europa emergente", ha detto a Reuters John Gibling, senior director di S&P.

Alcune banche europee come UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) e l'austriaca Erste Group Bank (ERST.VI: Quotazione) hanno avuto un ruolo cruciale nell'ex blocco comunista, finanziandone la crescita dal 2005 al 2007.

Gibling ha detto che la crescita sostenuta del credito negli anni del boom ha sovrariscaldato i sistemi bancari in Bulgaria e Romania.

"Il sistema bancario dell'Ucraina è sotto severa pressione", ha proseguito, aggiungendo che S&P pubblicherà un rapporto sull'impatto del rallentamento globale sulle banche dell'area nelle prossime settimane.