Gdf prezza bond da 1,9 mld euro, primo corporate in 5 settimane

venerdì 17 ottobre 2008 18:15
 

LONDRA, 17 ottobre (Reuters) - Dopo oltre cinque settimane di latitanza delle emittenti corporate sul mercato dei capitali, si è fatta avanti oggi GDF Suez GSZ.PA con un'operazione in due tranche dell'ammontare complessivo di 1,9 miliardi di euro, facendo sperare nella riapertura del mercato primario e che altre emittenti la possano seguire.

Gdf ha prezzato stasera a 99,644 la tranche a 5 anni, scadenza 24 gennaio 2014 e cedola 6,25%, per un ammontare di 1,0 miliardi di euro a un rendimento, in linea con le attese, 200 punti base sopra il tasso del mid-swaps.

La tranche a 10 anni, scadenza 24 gennaio 2019, da 900 milioni di euro e cedola 6,875% è stata prezzata a 99,363 per offrire un rendimento pari a 240 punti base sopra il tasso del mid-swaps corrispondente.

Lo dicono i lead manager dell'operazione Barclays, BNP Paribas, Natixis e Societe Generale.

GDF Suez ha rating 'A' da Standard & Poor's e 'Aa3' da Moody's Investors Service.

Nel settore financial, oggi anche l'inglese Lloyds TSB Plc (LLOY.L: Quotazione) ha prezzato a 99,242 un bond decennale da 400 milioni di sterline. Il bond, con scadenza 24 ottobre 2018, ha cedola 6,75% e offre un rendimento pari a 225 punti base sopra il rendimento del gilt con pari scadenza e cedola del 5%.

Hanno guidato l'operazione Lloyds, RBC Capital Markets e UBS.

Lloyds TSB, che sta acquistando la rivale HBOS HBOS.L, ha rating 'AAA' da Moody's Investors Service, 'AA' da Standard & Poor's e 'AA+' da Fitch Ratings.