17 marzo 2009 / 11:24 / 9 anni fa

Monetario sottile, o/n in area 0,8/0,9%,depositi visti in salita

MILANO, 17 marzo (Reuters) - Seduta senza spunti di rilievo sul mercato interbancario, dove l‘overnight gira in area 0,8/0,9% e i risultati del p/t settimanale non hanno riservato sorprese agli operatori.

Oggi la Banca Centrale Europea ha collocato - nell‘ambito della consueta operazione di rifinanziamento a sette giorni - un ammontare di poco inferiore a quello in scadenza. Sono stati assegnati, a 537 banche, 226,066 miliardi rispetto ai 227,7 miliardi in scadenza.

“Il p/t è in linea con le mie attese, non c’è un grosso scompenso”, sottolinea un tesoriere.

Restano superiori ai 50 miliardi i volumi scambiati ieri dal panel Eonia ad un tasso medio in risalita allo 0,865% dallo 0,855% del giorno precedente.

“Non mi stupirei se di qua alla fine del mese l‘Eonia salisse un po’, in direzione 0,90% perchè andiamo verso la fine del trimestre”, commenta il tesoriere.

Sempre ieri i depositi sono rimasti sopra i 60 miliardi di euro dopo essere scesi ai minimi degli ultimi cinque mesi di 55,25 miliardi settimana scorsa.

“Mi aspetto che nei prossimi giorni i depositi aumentino leggermente, collocandosi tra 60 e 70 miliardi invece che tra 50 e 60 miliardi perchè c’è un cumulo di numeri neri”, prevede il tesoriere.

La pratica di mettere a deposito fondi ha subìto un rallentamento nei giorni scorsi ma, secondo il tesoriere, il fenomeno è riconducibile soltanto al fatto che la liquidità in eccesso nel sistema è più contenuta rispetto agli altri periodi.

I volumi stentano infatti ancora a decollare sull‘interbancario, complice il perdurare di un clima di sfiducia fra istituti di credito.

La diffidenza è confermata dal premio al rischio applicato sull‘interbancario ed espresso dal differenziale fra il tasso di riferimento per i prestiti sull‘interbancario - l‘Euribor a tre mesi oggi fissato all‘1,614% - e la medesima scadenza sull‘Eonia swap (oggi allo 0,711%), che esprime le attese del mercato sui tassi overnight. Uno spread, non superiore a 10 punti base in tempi normali, che resta oggi intorno ai 90 punti base.

Sulla curva Euribor, i derivati viaggiano in territorio positivo mentre le borse ripiegano dopo diverse sedute nel segno del denaro. Intorno alle 12, la scandenza a giugno FEIM9 avanza dello 0,03 a 98,565, quella a settembre FEIU9 di 0,025 a 98,525 e, infine, dicembre sale di 0,015 a 98,330.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below