Italia, deriva Patto Stabilità interno minaccia sistema -Moody's

venerdì 16 gennaio 2009 17:56
 

MILANO, 16 gennaio (Reuters) - Uno sforamento generalizzato del Patto di Stabilità interno che vincola la spesa degli enti locali può diventare un problema a livello di sistema.

A dirlo è Mauro Crisafulli, senior vice president e analista per la finanza pubblica internazionale a Moody's Italia, a margine di una presentazione sull'outlook 2008 e le prospettive 2009 per gli emittenti italiani.

Interpellato sulla rivolta dei sindaci del Nord dopo la notizia della deroga al Patto concessa al Comune di Roma - notizia smentita oggi dal sottosegretario all'Economia Giuseppe Vegas - l'analista parla di un rischio per il settore se il Patto dovesse essere ignorato a livello collettivo.

"Se iniziano a sforare tutti può diventare un problema a livello di sistema e sovvertire il Patto di Stabilità interno che ha lo scopo di limitare il debito e spingere ad autofinanziare gli investimenti", ha spiegato Crisafulli.

Oggi il sottosegretario Vegas ha negato che sia stata concessa una deroga al Comune di Roma e in una nota del Tesoro ha affermato che eventuali iniziative che portino al mancato rispetto del Patto verranno sanzionate come previsto dalla legge.

Parlando in generale degli enti pubblici italiani, Crisafulli ha sottolineato come le province siano quelle più esposte all'indebolimento del ciclo economico a causa delle entrate legate alle automobili. "Regioni e comuni hanno una sorta di copertura e supporto da parte del governo centrale", ha spiegato.

Le entrate di comuni e regioni sono molto meno cicliche anche se, in generale, la rigidità dei bilanci degli enti locali e una certa difficoltà nella riscossione dei tributi rappresenteranno delle sfide da affrontare in un anno economicamente difficile come sarà il 2009.