November 16, 2009 / 5:32 PM / 8 years ago

PUNTO 1-Risanamento,a fine piano Zunino sotto 15%, banche a 80%

2 IN. DI LETTURA

(Aggiunge altre dichiarazioni Marinconda)

MILANO, 16 novembre (Reuters) - Il nuovo azionariato di Risanamento (RN.MI) dopo l'aumento di capitale da 150 milioni e dopo il prestito convertendo da 350 milioni vedrà il socio fondatore Luigi Zunino scendere sotto il 15% contro una presenza delle banche creditrici sopra l'80%.

Lo ha detto il presidente della società immobiliare Vincenzo Mariconda sottolineando anche che la presenza degli istituti di credito "non è esclusivamente finanziaria".

"Dopo l'aumento di capitale Zunino avrà il 32,9%, il flottante - se non sottoscriverà la ricapitalizzazione - scenderà al 12,2% e le banche andranno al 54,9%. Dopo il convertendo (in scadenza nel 2014), sempre con il presupposto che il flottante non sottoscriva, le banche saliranno all'80,2% e Zunino scenderà al 14,45%", ha detto Mariconda nel corso dell'assemblea dei soci.

Oggi Zunino ha il 73,4% del capitale ed è l'unico socio sopra la soglia del 2%.

Le banche che parteciperanno alle operazione di rafforzamento patrimoniale sono Intesa Sanpaolo (ISP.MI), Unicredit (CRDI.MI), Banco Popolare BAPO.MI, Mps (BMPS.MI), Popolare Milano PMII.MI.

Al termine dell'assemblea il presidente ha aggiunto che "in astratto è possibile l'esercizio di un diritto di call [da parte delle banche], ma la prospettiva dell'ingresso delle banche come soci di maggioranza è un dato concreto e ineludibile. Questo significa che non è una presenza esclusivamente finanziaria".

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below