PUNTO 1 - Scudo, Pdl per sanatoria reati penali, governo valuta

mercoledì 16 settembre 2009 18:34
 

(Aggiunge dettagli e contesto)

ROMA, 16 settembre (Reuters) - Il Pdl vuole estendere ai procedimenti penali lo scudo fiscale per i capitali illecitamente esportati all'estero, che nella versione attuale sana solo i reati di omessa dichiarazione e dichiarazione infedele.

La novità è contenuta in un emendamento al decreto legge correttivo presentato dal senatore Paolo Fleres e che trova l'appoggio del relatore Antonio Gentile. "L'emendamento Fleres introduce lo scudo anche per i procedimenti penali. Probabilmente già stasera ci sarà una proposta dei relatori che ingloberà pure l'emendamento Fleres. Si cerca di allargare lo scudo", ha detto Gentile.

"Politicamente noi siamo tutti d'accordo. Ora è in corso un confronto con il governo", ha aggiunto il senatore.

Gentile si dice ottimista sul fatto che l'esecutivo accolga l'estensione della sanatoria ai reati penali anche se bisognerà capire entro che limiti e quale tipologia di reati.

L'emendamento Fleres riduce tra l'altro al 15 dicembre la finestra temporale entro cui sarà possibile far emergere i capitali, ora fissata al 15 aprile del prossimo anno.

L'esame del decreto nelle commissioni è al momento sospeso e riprenderà dopo cena. I tempi per il via libera si preannunciano stretti dal momento che i senatori devono votare solo sei emendamenti.

Il decreto correttivo è stato varato in tutta fretta dal governo per modificare alcune norme del decreto fiscale numero 78, tra cui quella che istituisce lo scudo fiscale.

Entrato in vigore il 5 agosto, il decreto dovrà essere convertito in legge entro inizio ottobre pena la decadenza.