PUNTO 2 - Italia, rating va bene al livello attuale - Moody's

venerdì 16 gennaio 2009 16:20
 

(aggiunge dettagli)

MILANO, 16 gennaio (Reuters) - L'agenzia Moody's non prevede cambiamenti di rilievo al rating 'Aa2' assegnato all'Italia sul lungo termine, rating che in questa fase va bene al livello attuale. A dirlo è Pierre Cailleteau, managing director del team sovereign per l'agenzia, a margine di una presentazione sull'outlook 2008 e le prospettive 2009 per gli emittenti italiani.

"Non vediamo modifiche di rilievo", ha detto l'analista in risposta a una domanda. "Il rating va bene in questo momento, siamo tranquilli sul suo livello" che, ha aggiunto, già pone l'Italia al di sotto di altri paesi europei come Germania e Francia.

Cailleteau ha ricordato infatti come i rating vengano assegnati secondo una scala che tiene conto del confronto tra i vari emittenti. Proprio per questo motivo, dal momento che la crisi attuale colpisce tutti, non sono previste delle modifiche 'di massa' dei rating sovrani.

Per quanto riguarda la crisi attuale, l'Italia, sebbene gravata dal terzo debito pubblico al mondo, può contare su una serie di caratteristiche favorevoli, in primis il basso livello di indebitamento delle famiglie, che consentono di attutirne l'impatto.

"Sebbene l'Italia abbia meno spazio di manovra, non ha quelle caratteristiche che rendono molto doloroso l'aggiustamento nell'attuale situazione", spiega l'analista.

A proposito dell'indebitamento delle famiglie, Cailleteau sposa una tesi avanzata, a livello di ipotesi, dallo stesso ministro dell'Economia italiano, Giulio Tremonti: potrebbe essere proprio il minor debito privato a spiegare parte del differenziale di crescita dell'Italia rispetto ad altri paesi.

"L'Italia non è in una situazione malvagia. Il debito privato non è così elevato e questa potrebbe essere anche una delle ragioni per cui in anni recenti è cresciuta meno di altri paesi" spiega.   Continua...