Banche centrali monitorano mercati dopo Lehman, pronte ad agire

lunedì 15 settembre 2008 09:39
 

MILANO, 15 settembre (Reuters) - Tutte le maggiori banche centrali hanno detto stamane che stanno monitorando i mercati e si sono dette pronte ad agire per stabilizzare i mercati dopo che Lehman Brothers ha chiesto la protezione del Chapter 11. La richiesta di essere ammessa alla procedura per fallimento di una delle principali banche d'affari di Wall Street ha fatto tremare le borse e aumentato le chance di un allentamento delle politiche monetarie, deprimendo i rendimenti obbligazionari e i tassi di interesse impliciti.

La Fed ieri ha detto per la prima volta che accetterà azioni in cambio di prestiti cash.

La Bce stamane ha detto in un comunicato di essere "pronta a dare un contributo per dare ordine alle condizioni di mercato monetario delle zona euro" dopo che l'euro è salito nei confronti del dollaro oltre 1,43 dollari.

Analogamente nella notte la Bank of Japan ha detto che "stanno monitorando attentamente le condizioni dei mercati mentre stanno in contatto con la Fed e le autorità di altri paesi".

La Bank of England ha detto che "in relazione agli avvenimenti della notte, seguirà attentamente le condizioni del mercato monetario della sterlina e prenderà appropriate decisioni se necessario per stabilizzare quei mercati".

La banca centrale svizzera allo stesso modo ha detto stamane che "sta monitorando la situazione dei mercati finanzari molto attentamente" aggiungendo che "in una situazione come questa la banca verrà incontro ai mercati monetari in modo flessibile e generoso".

Alle ore 9,30 italiane l'euro è a 1,4329/30 dollari da 1,4227 della chiusura venerdì negli Usa.

Il futures euribor a dicembre è a 94,965 in rialzo di 0,075. I futures sui tassi Fed scontano ora il 70% di probabilità che la Fed tagli il tasso di riferimento di 25 punti base all'1,75%, in occasione del meeting del Fomc Fed che si riunisce domani.