Italia, Ue chiederà più concorrenza,impegno produttività -stampa

lunedì 15 dicembre 2008 07:48
 

MILANO, 15 dicembre (Reuters) - Nella valutazione sullo stato di attuazione dell'agenda di Lisbona relativa all'Italia in pubblicazione domani, la Commissione europea solleciterà un miglioramento dei conti guidato dalla riduzione della spesa, maggiore concorrenza sui mercati di beni e servizi e un impegno sulla produttività che passi attraverso il sistema scolastico e la lotta al lavoro nero. Lo scrive il quotidiano La Repubblica anticipando il documento atteso martedì da Bruxelles.

A fronte dell'atteso aumento della disoccupazione nel 2009, la Commissione Ue auspica un sostegno fiscale alle fasce più deboli: quelli dei lavoratori con stipendi più bassi, minor specializzazione professionale e contratti atipici.

Per reagire alla crisi, inoltre, sarebbe opportuno intervenire aumentando la concorrenza nel commercio al dettaglio, nella distribuzione della benzina, nei servizi finanziari e professionali, nel gas, nel trasporto aereo e in quello locale.

Bruxelles chiederà al governo di assicurare la piena coerenza del federalismo fiscale con gli obiettivi di riduzione della spesa pubblica e di aumento dell'efficienza della stessa.

Riguardo al problema ormai cronico di produttività stagnante che affligge l'Italia, la ricetta europea invita a "migliorare efficienza e e risultati del sistema scolastico", con un occhio attento alle "questioni di equità". Serve poi maggiore impegno nella riduzione delle sperequazioni tra le Regioni, anche attraverso lo sforzo per far emergere il lavoro nero.