Banche, perdite del 7% Tier 1 se scenario peggiore emergenti-Bce

lunedì 15 giugno 2009 17:17
 

FRANCOFORTE/VIENNA, 15 giugno (Reuters) - Le banche della zona euro potrebbero accusare perdite nella misura del 7% del proprio Tier 1 se si avverasse la peggiore delle ipotesi per i paesi emergenti di Europa, Asia e America Latina.

E' quanto si legge nel rapporto di stabilità della Bce pubblicato oggi, in cui si stima che le banche della zona euro a fine 2010 dovranno affrontare svalutazioni ulteriori, soprattutto sulle sofferenze, per 283 miliardi di dollari.

Dall'inizio delle turbolenze finanziarie, cioè dal 2007, fino a fine 2010, la Bce stima che il totale delle svalutazioni si aggiri intorno ai 649 miliardi di dollari, di cui 218 miliardi a fronte di asset tossici e 431 miliardi per sofferenze su crediti.

Proprio perché l'ammontare delle svalutazioni che saranno necessarie potrebbe crescere oltre le attese, l'outlook dei profitti è molto incerto.

Le perdite dovranno essere compensate oltre che da accantonamenti aggiuntivi anche dalla non distribuzione di utili nei prossimi due anni.

Il vicepresidente Lucas Papademos in una conferenza stampa ha dichiarato che comunque le principali banche della zona euro sono patrimonializzate in modo sufficiente ad affrontare lo scenario al ribasso.