Agenzie rating, fondo Calpers chiede i danni su investimenti SIV

mercoledì 15 luglio 2009 18:44
 

NEW YORK, 15 luglio (Reuters) - Rating troppo generosi su investimenti che si sono tradotti in una voragine di perdite: questa la motivazione con cui il maggiore dei fondi pensione Usa ha citato in tribunale le tre grandi dei rating, le agenzie Moody's Investors Service Inc (MCO.N: Quotazione), Standard & Poor's MHP.N e Fitch Inc (LBCP.PA: Quotazione).

Lo si legge nel testo della causa presentata la scorsa settimana da Calpers - il fondo pensione dei dipendenti pubblici della California - alla Corte Superiore di San Francisco. Il fondo prevede in particolare di poter perdere fino a più di un miliardo di dollari sui cosidetti SIV - Structured investment vehicles, prodotti strutturati indecifrabili diventati tristemente famosi con la crisi dei subprime - che avevano ricevuto i migliori rating dalle tre agenzie.

Dando i loro rating più elevati a questi prodotti, si legge nel ricorso Calpers, le agenzie "hanno dato con negligenza una rappresentazione errata" al fondo investitore. I rating, che sono associati normalmente a investimenti in pratica privi di rischio "si sono rivelati assolutamente inaccurati e irragionevolmente alti". Non è precisato l'ammontare dei danni richiesti.

Pronta la risposta delle agenzie. "La richiesta non ha fondamento legale o fattuale e agiremo perchè sia respinta" ha detto un portavoce di McGraw Hill, controllante di S&P, mentre Moody's e Fitch, come Calpers, non sono ancora stati rintracciabili per un commento.

La causa intentata da Calpers è l'ultimo capitolo di un lungo elenco di assalti e contestazioni alle big dei rating dopo i clamorosi errori o i tardivi ripensamenti visti nel corso della peggior crisi finanziaria dalla Grande Depressione in poi.

A parte i criteri con cui sono state assegnate le "triple A", a creare dubbi è il fatto che gli emittenti paghino per avere un rating, degno del sospetto che alla fine gli interessi serviti siano quelli degli underwriter a spese degli acquirenti finali dei titoli.

Calpers dice di aver acquistato nel 2006 fino a 1,3 miliardi di dollari di carta a breve-medio termine emessa da tre SIV: Cheyne Finance LLC, Stanfield Victoria Funding LLC e Sigma Finance Inc, all'epoca tutte tripla A sia per S&P che per Moody's.

Anche il rating Fitch su Sigma era 'AAA', ma Sigma è collassata dopo la crisi provocando, dice Calpers, "centinaia di milioni, forse oltre 1 miliardo, di minusvalenza". Secondo la documentazione della causa, un'udienza è fissata l'11 dicembre.

Calpers gestisce circa 173 miliardi di dollari di pensioni.