Dpef, Tesoro stima tasso disoccupazione all'8,8% in 2009

mercoledì 15 luglio 2009 14:32
 

ROMA, 15 luglio (Reuters) - Ipotizzando una crescita nulla dell'offerta di lavoro da qui a fine anno, il Tesoro stima un tasso di disoccupazione all'8,8% nel 2009.

Lo si legge nel Dpef 2010-2014, che indica un ulteriore peggioramento nel 2010 e una graduale riduzione del tasso fino al 7,7% nel 2013.

Nel Dpef il Tesoro spiega che la crisi ha manifestato i suoi effetti sul mercato del lavoro già nel 2008, "seppur in misura contenuta rispetto ad altri paesi europei".

"Nel primo trimestre 2009, le unità standard di lavoro (Ula) si sono contratte dello 0,8% rispetto al trimestre precedente, in prevalenza nel settore industriale (-1,9%). La contrazione delle Ula dipendenti è stata dell'1%. La contrazione dell'occupazione interna, inclusiva degli addetti in cassa integrazione, è stata invece più modesta (-0,3%)", dice il Dpef.

"Nel primo semestre 2009 si è registrato un aumento del ricorso alla Cassa integrazione guadagni (Cig) (282,3% rispetto al primo semestre del 2008). Le ore complessivamente autorizzate (ma non effettivamente utilizzate) dall'Inps sono state pari a circa 373 milioni. Dal mese di marzo, tuttavia, si è verificato un rallentamento della crescita delle ore autorizzate rispetto al mese precedente", aggiunge il Dpef, ricordando che a giugno le ore autorizzate hanno mostrato una riduzione di circa 7 milioni rispetto a maggio (-8,1%).