Btp negativi in chiusura, accumulano ritardo su Germania

giovedì 14 maggio 2009 17:33
 

 MILANO, 14 maggio (Reuters) - Finale di seduta con il segno
meno sul secondario italiano, decisamente penalizzato dalla
posizione 'periferica' rispetto alla carta 'core' per eccellenza
come quella tedesca resa particolarmente appetibile dalla
generalizzata scarsa propensione al rischio.
 I benchmark Btp accumulano così le distanze rispetto agli
equivalenti Bund, la cui impostazione resta invece almeno nel
brevissimo ancora marcatamente rialzista.
 Sul segmento decennale il premio di rendimento del Btp marzo
2019 rispetto al Bund gennaio 2019 arriva così a superare il
punto percentuale pieno, con una punta intraday di 106 centesimi
secondo gli schermi Reuters YLDS5 che riporta il differenziale
sui livelli di fine aprile dopo il forte restringimento della
settimana scorsa.
 "Una tendenza emersa già lunedì ma soprattutto nella seduta
di ieri che ha segnato il crollo delle borse: il movimento è
stato molto violento e una correzione va vista almeno in parte
come fisiologica, non credo però ci allontaneremo troppo da
questi livelli" commenta un operatore.
 Secondo gli addetti ai lavori va inoltre ricordato che in
ragione della chiusura posticipata il mercato tedesco ha
incorporato ieri una parte più ampia della discesa di Wall
Street rispetto a quello italiano.
 Il movimento dello spread Italia/Germania tende inoltre a
ricalcare quello a dell'indice 'iTraxx', considerato il più
affidabile barometro della propensione al rischio, il cui
allargamento è proceduto nella seduta odierna dopo il forte
strappo di ieri legato soprattutto all'inatteso calo delle
vendite al dettaglio Usa.
 "Appena si torna a dubitare della sostenibilità del recupero
dei mercati la reazione più immediata è quella di vendere asset
più rischiosi, o comunque meno sicuri, come può essere il debito
pubblico italiano rispetto a quello tedesco" aggiunge l'esperto.
 Ad appesantire la carta italiana ha almeno in parte
contribuito l'appuntamento della mattinata con l'asta a
medio-lungo di metà mese, in cui il Tesoro ha collocato oltre 7
su massimi 7,25 miliardi di euro sul tratto a cinque e
trent'anni insieme a una riapertura di Btp agosto 2015.
 "Un'asta comunque assorbita senza fatica, con un ottimo
livello di domanda rispetto all'offerta" commenta un trader.

 ========================= ORE 17,30 ===========================
                                PREZZI  VAR.     RENDIMENTO
 FUTURES BUND GIUGNO FGBLc1       121,68  (+0,36)
 BTP 2 ANNI  (MAR 11) IT2YT=TT    103,35  (-0,07)     1,634%
 BTP 10 ANNI (MAR 19) IT10YT=TT   101,83  (-0,20)     4,314%
 BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=TT    95,80  (-0,69)     5,348% 
 ========================= SPREAD (PB) ========================
                                        CHIUSURA PRECEDENTE
 TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     20                  21 
 BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     33                  32 
 BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5    100                  96 
 BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    115                 112 
 BTP 2/10 ANNI*                     268,0                269,4
 BTP 10/30 ANNI                     103,4                101,2
 =============================================================