Btp in calo, spread ancora larghi, buona domanda in aste

mercoledì 14 gennaio 2009 12:59
 

 MILANO, 14 gennaio (Reuters) - Come il comparto a livello
europeo, i titoli di stato sono italiani sono appesantiti dalla
massiccia offerta di Btp e Bund.
 Stamane il Tesoro ha collocato 6,95 miliardi di tre Btp su
un ammontare complessivo massimo di 7 miliardi, mentre la
Germania ha posto in asta 5,6 miliardi dello Schatz sui 7 in
offerta.
 "Le aste tutto sommato non sono andate male, il 5 anni è
anzi andato proprio bene, registrado una buona domanda e
vendendo un ammontare nella parte alta della forchetta. I prezzi
sono risultati in linea col mercato" dice un trader italiano. 
 "Per tutti i titoli possiamo dire che non è andata male,
specie dopo l'asta tedesca. Anche il 30 è andato abbastanza
bene: sono riusciti a collocare tutto, i prezzi sono stati in
linea col mercato. Resta comunque un tratto di curva
problematico" dice ancora il trader.
 Il nuovo titolo a 5 anni posto oggi in asta, il 15 dicembre
2013, è stato collocato per 4 miliardi al tasso 3,87%, il minimo
dal marzo 2008. Il prezzo è stato di 99,64 e la domanda per 5,97
mld.
 La decima tranche del trentennale 1 agosto 2039 è stata
collocata per 1,45 miliardi al rendimento di 5,55%, il massimo
da maggio 2002, e al prezzo di 93,02. La domanda è stata pari a
2,166 miliardi e l'importo massimo in offerta era di 1,5
miliardi. 
 Il titolo 1 novembre 2029 è stato aggiudicato per 1,5
miliardi a fronte di una domanda pari a 2,327 miliardi di euro.
Il rendimento è stato del 5,48% e il prezzo di aggiudicazione di
98,05.
 
 SPREAD A LIVELLI ALTI, 30 ANNI COLPITO DA ASTA
 Sebbene abbia abbandonato i record toccati ieri, lo spread
fra i tassi dei decennali di riferimento italiano e tedesco
resta a livelli alti sul permanere di una certa avversione al
rischio. 
 "Lo spread è tornato ad allargarsi, anche se è qualche punto
base al di sotto dei massimi storici toccati ieri. Il
trentennale è colpito dall'asta e lo spread con la Germania si è
allargato molto" dice il trader.
 Anche sulla curva italiana è visibile la maggiore difficoltà
del trentennale, con un marcato irripidimento della curva dei
rendimenti sul tratt 10-30.
 In generale i periferici sono penalizzati dalle fosche
prospettive economiche che premiano i titoli più sicuri e dalle
recenti comunicazioni di Standard & Poor's che da venerdì scorso
ha innescato un 'flight-to-quality' a discapito dei periferici
dichiarando di star valutando una possibile riduzione dei rating
di Irlanda e Grecia. Il movimento è proseguito lunedì quando S&P
ha messo la Spagna in CreditWatch con implicazioni negative per
la tripla A del paese.
 Stamane lo spread fra il tasso del decennale tedesco e
quello irlandese si è spinto al massimo storico di 180 punti
base. 
 Ieri, sull'onda del movimento cha ha colpito i periferici
europei, anche lo spread italiano aveva toccato un massimo
storico a 146 punti base, per poi rientrare dopo a decisione di
Standard & Poor's di confermare il rating 'A+' alla Repubblica
Italiana, con outlook stabile
 Oltre che all'Italia, S&P ha confermato il rating a Francia,
Olanda, Finlandia, Belgio e Danimarca. 
 
 =================== QUOTAZIONI 12,35 =========================
                                 PREZZI  VAR.    RENDIMENTO
  FUTURES BUND MARZO FGBLc1       125,06  (-0,06)
  BTP 2 ANNI  (FEB 11) IT2YT=TT*  102,25  (-0,03)     2,624%
  BTP 10 ANNI (AGO 18) IT10YT=TT  100,77  (-0,48)     4,448%
  BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=TT   92,75  (-2,08)     5,567%
======================== SPREAD (PB) =======================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
  TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     69                  65
  BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3    111                 112
  BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5    144                 140
  BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    181                 163
  BTP 2/10 ANNI                      --                  178,9
  BTP 10/30 ANNI                     111,9               103,1
 ============================================================
* quotazioni dagli schermi Reuters non essendo il titolo
ancora scambiato su Mts nella prima parte della seduta