Usa,in piano sanità Camera sovrattasse, cambiamenti Medicare

martedì 14 luglio 2009 18:09
 

WASHINGTON, 14 luglio (Reuters) - Il piano di riforma della Sanità della Camera del Parlamento Usa, che sarà presentato oggi, includerà sovrattasse sui redditi elevati a partire dal 2011, eventualmente maggiorate nel 2013 se fossero necessari mezzi ulteriori per finanziare il programma, ha spiegato il deputato democratico Ron Kind.

Il piano prevederà una commissione presso l'Istituto di Medicina Usa che avrà un anno per dare indicazioni sui tassi di rimborso di Medicare, ha aggiunto Kind, membro di uno dei tre comitati incaricati di scrivere il programma sanitario.

I nuovi tassi entreranno in vigore per due anni con uno stanziamento di 8 miliardi di dollari per finanziare i cambiamenti. A quel punto il Congresso rivedrà i tassi, ha precisato King dopo un incontro.

Il deputato democratico John Dingell ha detto che la nuova legislazione rispetterà gli obiettivi della Camera di mantenere il costo a 1.000 miliardi di dollari nel corso di dieci anni.

I legislatori sono sotto pressione per completare la riforma dell'industria sanitaria entro agosto per avere il tempo di sanare le divergenze tra le versioni della Camera e del Senato e depositare il piano finale sulla scrivania del presidente Barack Obama entro ottobre.

La versione della Camera includerà un piano di assicurazione pubblica, gestita dal Governo, concorrenziale rispetto alle assicurazioni private. Il deputato democratico Jason Altmire ha tuttavia assicurato che "non si tratta di un takeover della sanità da parte del Governo".

Lo scopo della riforma della Sanità è il contenimento dei crescenti costi dell'assistenza medica e la copertura assicurativa per i quasi 46 milioni di americani che non la possiedono.

Kind ha precisato che le aliquote della sovrattassa saranno pari all'1% su un reddito di 350.000 dollari, 2% su 500.000 e 3% su un milione. Se fossero necessari altri fondi, le aliquote saranno innalzate al 2, 3 e 4% rispettivamente nel 2013.

La commissione su Medicare cercherà di correggere le tariffe pagate a medici e ospedali e di fornire incentivi per una migliore assistenza a costi inferiori.