PUNTO 1 - Monetario, o/n cala a 2,75%, attesa tagli in dicembre

venerdì 14 novembre 2008 15:53
 

(aggiorna quotazioni overnight, aggiunge aspettative tagli tassi dopo dati Pil)

MILANO, 14 novembre (Reuters) - Il mercato interbancario nel pomeriggio registra un calo dell'overnight, come si attendevano i tesorieri, appoggiandosi al livello del 2,75%, il nuovo tasso dei depositi presso la Bce.

Alla luce dei dati oggi sul Pil della zona euro che ha mostrano la prima recessione dal lancio dell'euro, gli economisti prevedono nuovi calo dei tassi da parte della Bce fino al 2% a metà dell'anno prossismo, con un primo taglio di 50 pb già a dicembre.

Continua inoltre il netto calo dell'Euribor, con la scadenza trimestrale oggi a un minimo da metà luglio dello scorso anno.

"Come ci si aspettava l'overnight ha finito per avvicinarsi al nuovo livello dei depositi, con un tasso del 2,75%, nuovo riferimento per il mercato cash" dice un tesoriere.

Secondo i dati resi noti oggi, l'economia della zona euro ha registrato nel terzo trimestre la seconda contrazione congiunturale, confermando quindi di essere entrata in recessione tecnica. Il Pil si è contratto dello 0,2% su trimestre, dopo che ciò era già successo nel secondo trimestre.

"Sfortunatamente siamo solo all'inizio" dice Gilles Moec, economista di Bank of America sottolineando che i dati del terzo trimestre non riflettono pienamente il forte peggioramento della crisi finanziaria visto in settembre e ottobre.

D'altra parte l'inflazione sta rallentando e quindi "ci aspettiamo che la Bce tagli i tassi fino al 2% entro la metà del prossimo anno, con la prossima riduzione di 50 pb già a dicembre" dice Nick Kounis, economista a Fortis.   Continua...