Manovra, governo chiede fiducia in aula Senato

mercoledì 7 settembre 2011 10:04
 

ROMA, 7 settembre (Reuters) - Il governo ha chiesto la fiducia sulla manovra di ferragosto, ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito in aula al Senato.

Dopo il voto, atteso in giornata, la manovra passerà alla Camera per la seconda lettura.

Per rafforzare la manovra il governo, che ieri ha riunito il Consiglio dei ministri, ha annunciato un maxiemendamento con il ritorno del contribuito di solidarietà ma al 3% e sui redditi sopra i 300.000 euro, l'aumento dell'Iva al 21% e il graduale innalzamento dei criteri per l'accesso alla pensione di vecchiaia delle donne nel settore privato a partire dal 2014 e non più dal 2016.

Saranno circa 34.000 i contribuenti colpiti dal nuovo contributo di solidarietà, per un gettito atteso pari a 54 milioni di euro nel 2012 e a circa 144 milioni nel 2013. La misura resterà in vigore fino al raggiungimento del pareggio di bilancio.

Dall'aumento dell'Iva sono attesi invece circa 3,7 miliardi l'anno, secondo stime di Confindustria.

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Manovra, governo chiede fiducia in aula Senato | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    19,741.75
    -0.54%
  • FTSE Italia All-Share Index
    21,860.79
    -0.53%
  • Euronext 100
    976.53
    -0.16%