MANOVRA-SCHEDA2

lunedì 12 settembre 2011 11:24
 

LE MISURE CONTRO L'EVASIONE

Scende a 2.500 euro da 3.000 la soglia massima per l'utilizzo del contante e dei titoli al portatore.

Niente sospensione condizionale della pena per i contribuenti condannati a causa di un'evasione superiore a 3 milioni di euro e al 30% del volume d'affari. Dalla nuova disciplina il governo si aspetta 210 milioni nel 2012, 457,5 nel 2013 e 407,5 nel 2014. Dure le opposizioni, che vi vedono un regime di favore verso i grandi evasori.

La presidenza del Consiglio stabilirà con un decreto le modalità e i criteri per la pubblicazione, sul sito dei comuni, dei "dati aggregati" relativi alle dichiarazioni dei redditi, "con riferimento a determinate categorie di contribuenti o di reddito". La prima versione di un emendamento approvato in Senato prevedeva la pubblicazione delle dichiarazioni con nome e cognome dei contribuenti.

L'Agenzia delle Entrate potrà stilare attraverso le banche liste di contribuenti da mettere sotto controllo in via preventiva. Le maggiori entrate dovrebbero ammontare a 156,2 milioni nel 2012, a 545,7 nel 2013 e a 665,4 nel 2014.

Le società di comodo, usate dai contribuenti per schermare la proprietà di beni di lusso come ville o yacht, si vedono aumentare l'aliquota Ires di 10,5 punti percentuali che arriva al 38%. Gettito atteso 25,1 milioni nel 2012 e 33,5 a partire dal 2013.

Produrrà 169,7 milioni nel 2012 e 226,3 milioni nel 2013 e nel 2014 l'equiparazione alle società di comodo dei soggetti Ires che dichiarano perdite per tre esercizi consecutivi.

Marcia indietro, invece, sull'obbligo di inserire nella dichiarazione dei redditi gli estremi del conto corrente, annunciato durante i lavori in commissione Bilancio del Senato.

  Continua...