PUNTO 1 -Manovra, cosa cambia. Obbligo dichiarazione c/c bancari

giovedì 1 settembre 2011 18:16
 

(un ifica pezzi, aggiunge contesto)

di Alberto Sisto

ROMA, 1 settembre (Reuters) - Alla fine di una nuova giornata fitta di incontri e vertici e dopo un consiglio dei ministri che ha visto l'assenza di Silvio Berlusconi, Giulio Tremonti (questi due ai ferri corti sulla manovra secondo quanto riportato da tutti i giornali) e di Umberto Bossi, il governo ha finalmente depositato in Senato gli emendamenti alla manovra di ferragosto.

Ricalcano in gran parte le decisioni del vertice di lunedì scorso tranne che, come è ormai noto, non figura il blocco del riscatto di università e servizio militare ai fini dell'anzianità pensionistica.

La principale novità annunciata in Senato dal ministro dell'Economia Tremonti prevede l'obbligo di indicare nella dichiarazione dei redditi gli estremi dei propri conti bancari. I comuni potranno pubblicare on line le dichiarazione dei redditi dei contribuenti.

"L'emendamento prevede l'assoluta invarianza dei saldi e proporzionalità fra tagli e tasse", ha detto Tremonti parlando a margine dei lavoro della commissione Bilancio del Senato.

"Fra le novità la previsione che nella dichiarazione dei redditi dovranno essere indicate le banche con cui si intrattengono rapporti", ha poi detto Tremonti.

Il ministro ha aggiunto che i poteri dati agli enti locali in materia di lotta all'evasione sono reali tanto che "si è previsto che i consigli tributari potranno contare sui dati a disposizione dell'Agenzia delle entrate".   Continua...