Manovra, da cessione immobili pubblici decine miliardi-Formigoni

lunedì 29 agosto 2011 11:48
 

MILANO, 29 agosto (Reuters) - Dalla cessione degli immobili pubblici lo Stato potrebbe ricavare decine di miliardi.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, intervenendo a Milano alla protesta dei sindaci dei piccoli Comuni per i tagli inseriti nella manovra.

"Lo Stato potrebbe ricavare dalla vendita degli immobili, se ben fatta, decine di miliardi", ha affermato Formigoni, aggiungendo, tra le ipotesi di dismissione di asset non strategici, la privatizzazione della Rai e la cessione della quota oltre il 51% delle Poste.

"Per la Rai l'ipotesi è di mantenere un canale tv e un canale radio per il servizio pubblico e di vendere il resto, che vale circa 5 miliardi. Le Poste, che sono un'azienda ben gestita, valgono 7-8 miliardi e non ha senso tenere oltre il 51%", ha detto Formigoni.

Il presidente della Regione Lombardia ha espresso ottimismo per l'esito dell'incontro odierno tra il presidente del Consiglio, Sivlio Berlusconi, e il leader della Lega Nord, Umberto Bossi per definire i dettagli della manovra correttiva.

"Abbiamo lavorato per una correzione (della manovra), ci attendiamo che siano rese effettive le modifiche proposte", ha spiegato Formigoni.

"Mi aspetto che le tasse a carico dei cittadini scendano e che vengano ridotti i tagli agli enti locali, ma servono anche manovre strutturali. E' ora che lo Stato metta le mani su se stesso. Se venisse gestito con i criteri della Regione Lombardia, si avrebbe un risparmio di 7 miliardi l'anno", ha concluso Formigoni.

(Giulio Piovaccari)